Politics Lombardia, riecco i bonus volumetrie dopo la guerra con Milano

Lombardia, riecco i bonus volumetrie dopo la guerra con Milano

di Francesco Floris

Immobili abbandonati da “almeno tre mesi” invece che da da “cinque anni”. Tornano i premi volumetrici fino al 25% per chi riqualifica palazzi dismessi in Lombardia. Lo può riferire True-News che ha consultato la proposta di modifica della legge sulla rigenerazione urbana uscita dalla giunta guidata dal Presidente della Lombardia Attilio Fontana il 19 aprile. La legge è stata oggetto di un pesante contenzioso fra Regione e Comune di Milano. In particolare fra l’assessore regionale a Territorio e Protezione civile, il leghista Pietro Foroni, e il suo omologo milanese, Pierfrancesco Maran, proprio sui bonus volumetrici e con alcuni fra costruttori e immobiliaristi che contestavano la linea del Comune di Milano. Tanto che la norma è stata portati dagli avvocati di Palazzo Marino davanti al Tar della Lombardia con un ricorso per incostituzionalità. I giudici amministrativi hanno accolto in via preliminare spedendo la legge alla Corte Costituzionale.

Regione, come anticipato da True-News, ha deciso allora di non attendere i tempi dei giudici della Consulta. E di modificare la legge in proprio per accelerare i tempi. Nella nuova versione partorita dalla giunta Fontana rimangono i bonus volumetrici dal 10% fino al 25% per chi riqualifica immobili a qualunque destinazione d’uso dismessi o comunque critici sotto il profilo della “salute, sicurezza idraulica, problemi strutturali che ne pregiudicano la sicurezza, inquinamento, degrado ambientale e urbanistico-edilizio”. I tempi dell’abbandono “necessario” per ottenere i bonus vengono però abbassati da 5 anni a tre mesi. Con l’effetto che saranno molte di più le proprietà che potranno accedere al bonus a costo zero. A Milano per esempio erano 39 gli edifici dismessi da oltre cinque indicati dalla delibera di fine dicembre 2020 di Palazzo Marino e che avevano fatto richiesta all’Urbanistica. Ora quanti saranno?

Le modifiche introdotte da Palazzo Lombardia riguardano invece due aspetti. Primo: il bonus attuale viene considerato “una tantum” e quindi, a differenza della norma precedente, la delibera non sarà agiornata di anno in anno inserendo nuovi indirizzi e quindi sarà esclusa la possibilità di individuare immobili che dovessero maturare le condizioni di criticità dopo l’entrata in vigore della legge. Una tutela volta a impedire azioni speculative – di cui si iniziavano a intravedere alcuni segnali a Milano – e cioè dismissioni pilotate del patrimonio immobiliare da parte di grossi operatori (immobiliaristi, banche, assicurazioni, fondi pensione, casse previdenziali etc.), magari sfrattando per finita locazione i ceti meno abbienti, con il solo scopo di accedere dopo cinque anni agli incentivi volumetrici e fiscali della norma. Allo stesso tempo però il meccanismo diventa in parte automatico e non più solo su richiesta: i Comuni saranno obbligati a far accedere ai benefici della norma quegli edifici dismessi e abbandonati che rispondono ai requisiti e sono già stati individuati nel Piano di governo del territorio e non solo, invece, quelli che presenteranno domanda e documentazione allegata agli uffici tecnici da parte delle singole proprietà sulla base di perizie asseverate. Inoltre i benefici dell’articolo 40 della legge, come modificato, si possono applicare anche agli immobili per i quali siano stati rilasciati titoli edilizi in sanatoria ordinaria e straordinaria.

Viene invece parzialmente eliminata la distinzione fra grandi e piccoli comuni della Lombardia, con i secondi con meno di 20mila abitanti che erano stati esclusi dalla prima formulazione della legge. Gli enti locali piiù piccoli potranno però tutelare il proprio paesaggio e territorio, individuando con delibera del consiglio comunale alcune aree a cui non si applica la norma per motivi di tutela paesaggistica.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Francesco Floris
Francesco Floris
Nato nel 1989, trentino, milanese d'adozione,. Giornalista freelance. Collaboratore di True-News, Fatto Quotidiano, Affaritaliani.it Milano, Linkiesta, Gli Stati Generali, Vice, Il Dubbio, Redattore sociale. Per segnalazioni scrivimi a francesco.floris@true-news.it o frafloris89@gmail.com

Più articoli dello stesso autore

Rai, c’è un nuovo “caso Report”. Anche Helbiz vuole conoscere le fonti anonime di Sigfrido Ranucci

Dopo la puntata di Report "Il mago di Helbiz", anche il colosso dei monopattini elettrici vuole conoscere le fonti anonime di Sigfrido Ranucci. Ha presentato una richiesta di accesso agli atti al Comune di Milano

Chi è la fidanzata di Gregorio Paltrinieri?

Chi è Letizia Ruoli, la fidanzata del nuotatore Gregorio Paltrinieri? I due sono molto riservati ma sono insieme da tanti anni

Cantieri sulle autostrade: la mappa di agosto in Italia

Oltre alla normale presenza di ingorghi sulle direttrici più trafficate, quest'estate la viabilità sulle autostrade sarà complicata dalla presenza di quasi 400...

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Cardinale Becciu, via al processo in Vaticano. Il quadro dello scandalo finanziario e le conseguenze della riforma del Papa

Caso Becciu, per la prima volta in Vaticano un cardinale è processato da laici. Segno che la resa dei conti è arrivata

Giuseppe De Donno, il dottore ucciso da invidia e interessi di parte

Un medico che ha messo sempre il paziente prima di tutto. E per questo è stato infangato da luminari colleghi e detrattori

Csm e magistratura, il pm Paolo Storari paga per tutti. Ma la vera storia è quella del “cesto di mele marce” di Di Pietro

Mario Chiesa diceva a Di Pietro: io sono la mela marcia? Ora le racconto il resto del cestino. Un'immagine perfetta di cosa sta accadendo in Procura a Milano e fra le toghe di mezza Italia

Inchiesta appalti negli Hotel, il sistema delle “società serbatoio”. Gip convalida sequestro da 22 milioni

Il Gip del Tribunale di Milano ha deciso di convalidare il sequestro di 22 milioni di euro a carico del gruppo Cegalin-Hotelvolver

Comunali Milano 2021, nella città simbolo del Covid è caccia al “professionista della salute” da candidare

Dopo l'arrivo del Covid crescono i medici che puntano ad entrare in politica (perchè la politica li cerca). L'esempio più lampante? Milano