Politics La prima di Rasia: "Imprese e sicurezza per Milano. Crisi governo? Andrei...

La prima di Rasia: “Imprese e sicurezza per Milano. Crisi governo? Andrei al voto” (VIDEO)

di redazione

Crisi di governo? “Vorrei andare al voto, da cittadino mi domando se i numeri oggi in Parlamento siano la fotografia del Paese”. Il suo nome per Milano? “Mi è stata chiesta disponibilità dalla Lega e ora il mio nome è al tavolo del centrodestra. Adesso tocca ai leader parlarsi”. Roberto Rasia Dal Polo, manager e comunicatore, indicato da Stefano Bolognini e Matteo Salvini come possibile candidato sindaco per Milano, è intervenuto la mattina del 14 gennaio a “The True Show” su Telelombardia, nella sua prima intervista in video. Un dialogo a quattro che oltre a Rasia ha visto presente negli studi dell’emittente lombarda anche Giacomo Lucchini, responsabile della campagna vaccinale Covid della Regione, Silvia Roggiani, segretaria del Pd metropolitano di Milano e Silvia Sardone, europarlamentare della Lega e consigliere d’opposizione a Palazzo Marino.

Cosa vorrebbe il candidato (forse?) del centrodestra per la campagna elettorale meneghina? “Uno stile di battaglia come nella boxe, la nobile arte, dove lo sconfitto abbraccia alla fine il vincitore”. Nella sua prima uscita televisiva nei panni di politico, Roberto Rasia Dal Polo ha parlato anche delle difficoltà del centrodestra nel trovare un nome da contrappore a Beppe Sala. “La crisi di governo a Roma sta rallentando anche le decisioni locali” ha detto negando tuttavia che ci sia un problema di classe dirigente: “Rilevo che l’età media dei politici si è abbassata notevolmente negli ultimi 30 anni e comunque sia Sala che Albertini non erano dei politici ma uomini del fare e cittadini”.

A proposito: sul sindaco uscente? “Come ho già detto lo stimo personalmente perché è riuscito a prendere il trampolino di Expo e far correre Milano. Però rilevo il malcontento dei cittadini milanesi che sanno cosa non funziona”. Cosa? “Seimila casa popolari Aler a San Siro e nemmeno un ufficio del comune”. O ancora: “La sicurezza” ha detto Rasia dibattendo del tema periferie con Silvia Roggiani e Silvia Sardone. Ma per lui è sintomo della crisi anche “un commerciante di cravatte che in Galleria Vittorio Emanuele ora paga la stesso affitto di un anno fa. Abbiamo il dovere di aiutare piccole e grandi aziende a uscire dalla crisi”. Uno slogan per la sua corsa? “Rialziamo Milano”

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Francesco Floris
Francesco Floris
Nato nel 1989, trentino, milanese d'adozione,. Giornalista freelance. Collaboratore di True-News, Fatto Quotidiano, Affaritaliani.it Milano, Linkiesta, Gli Stati Generali, Vice, Il Dubbio, Redattore sociale. Per segnalazioni scrivimi a francesco.floris@true-news.it o frafloris89@gmail.com

Più articoli dello stesso autore

Allegri in pole per la panchina del Real (e Zidane alla Juve?)

L'ex tecnico di Milan e Juventus se la gioca con la bandiera di Madrid Raul Gonzalez Blanco. E intanto Allegri studia lo spagnolo con la compagna Ambra Angiolini

Salute Berlusconi, gli effetti del “long Covid”: ecco come sta

Girano voci contrastanti riguardo la salute di Berlusconi: il Presidente di Forza Italia è stato di nuovo ricoverato in ospedale per qualche...

Il giudice del “caso Salvini” che manda in tilt buonisti, sovranisti e pasdaran del lockdown

Nunzio Sarpietro assolve Salvini dal sequestro di persona per nave Gregoretti. Il leader della Lega esulta: “Un giudice che studia”. Ma è lo stesso che ha tolto l'associazione a delinquere alla ong Proactiva Open Arms ed è stato beccato a pranzo al ristorante durante il lockdown

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Il giudice del “caso Salvini” che manda in tilt buonisti, sovranisti e pasdaran del lockdown

Nunzio Sarpietro assolve Salvini dal sequestro di persona per nave Gregoretti. Il leader della Lega esulta: “Un giudice che studia”. Ma è lo stesso che ha tolto l'associazione a delinquere alla ong Proactiva Open Arms ed è stato beccato a pranzo al ristorante durante il lockdown

Angelo D’Orsi: “La mia Torino contro i poteri forti, basta eventi e grandi opere. Ricuciamo le periferie con la cultura”

Lo storico Angelo D’Orsi, sostenuto dalla sinistra radicale, si candida alla guida di Torino per "scardinare i poteri forti". L'obiettivo? "Vincere"

Dal barboncino di Pertini al bracco di Draghi. Ecco i cani dei potenti

Alcuni politici li usano in campagna elettorale, altri nelle questioni diplomatiche. Il semplice fatto che un leader politico venga ritratto insieme al proprio animale domestico trasmette una sensazione di vicinanza e umanità.

La sanità dei Cinque Stelle? È il “modello Veneto” (ma per la Lombardia)

Proposte di riforma della sanità lombarda? C'è anche quella che i grillini hanno chiamato “ATS Lombardia”, che di fatto ricalca quanto già esiste oggi in Veneto con l'Azienda Zero

Recovery Plan a Milano? Salta riapertura dei Navigli, soldi a trasporti e quartieri popolari

Nella lista delle opere per il Recovery Plan a Milano i soldi per riaprire i Navigli non ci sono. L'elenco aggiornato al 10 maggio 2021, consultato da True-News, punta le proprie fiches su trasporti e qualità dell'abitare