Politics Il “tesoretto” di Pier e l'eredità di Majorino su Palazzo Marino

Il “tesoretto” di Pier e l’eredità di Majorino su Palazzo Marino

Alle primarie del 2016 contro Beppe Sala e Francesca Balzani prese 13.600 preferenze. Alle comunali di quattro mesi dopo è il primo del Pd con 7.500 voti dietro solo ai “big” nazionali candidati dal centrodestra per incassare voti come Mariastella Gelmini e Matteo Salvini. Alle europee 2019 solo a Milano prende 39.600 voti personali. Più di 90mila nella circoscrizione nord ovest. Terzo più votato nel pd. Lascia Palazzo Marino e vola a Bruxelles e Strasburgo. Ma per “Pier” – come lo chiamano tutti in città – Milano rimane un chiodo fisso della sua attività politica. Non fosse altro perché lui è uno dei “big” ad ogni tornata elettorale.

Odiato dal centrodestra perché simbolo della “Milano arcobaleno”, mister preferenze nel centrosinistra, Pierfrancesco Majorino non si è fermanto nemmeno a Capodanno. Il 30 dicembre dall’Adriano Community Center, il nuovo “Covid Hotel” simbolo di Milano, ha partecipato all’incontro online “Salute al nuovo anno” organizzato dall’associazione “Prima la comunità” di Don Virgino Colmegna. Con ospiti come la sottosegretaria alla Salute Sandra Zampa, Graziano Delrio, Elly Schlein, Patrizia Toia. È anche un modo per “contarsi”. E le preferenze perosnali di Majorino “contano” parecchio. Chi sarà l’erede dell’ex assessore alla Politiche sociali alle comunali del 2021? Le liste del centrosinistra in consiglio comunale sono piene zeppe di “majoriniani”. Un po’ di nomi? Lamberto Bertolè, Sumaya Abdel Qader, Alessandro Giungi, Diana De Marchi, Simonetta D’Amico, Angelica Vasile. A cui aggiungere sicuramente quelli di Daniele Nahum , non eletto nel 2016, ma animatore di “Casa Comune”, associazione fondata da Majorino stesso, e di Lorenzo Zacchetti, consigliere del Municipio 7 molto legato all’ex assessore. A chi lascerà il suo “tesoretto” di voti Pier? Farà campagna elettorale per qualcuno incoronando un erede? Oppure se la drovranno giocare senza padri e padrini e i voti andaranno a spalmarsi sui diversi nomi? Domande legittime a cui Majorino non ha ancora voluto dare una risposta definitiva.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Francesco Floris
Francesco Floris
Nato nel 1989, trentino, milanese d'adozione,. Giornalista freelance. Collaboratore di True-News, Fatto Quotidiano, Affaritaliani.it Milano, Linkiesta, Gli Stati Generali, Vice, Il Dubbio, Redattore sociale. Per segnalazioni scrivimi a frafloris89@gmail.com

Più articoli dello stesso autore

La svolta del governo Draghi sulle riaperture (e non solo)

Cantieri, scuole, bar e ristoranti aperti: dal 26 aprile cambia tutto. Ecco il cronoprogramma

Albertini tenta i moderati e i Cinque Stelle lo aiutano

Il sindaco di Milano presenta la sua lista con tutti i big e punta alla doppia cifra. Ma non è ancora risolto il nodo Cinque Stelle in coalizione che spaventa moderati e centristi. E se il centrodestra ha Gabriele Albertini...

Cosa perdiamo quando perdiamo le chiacchiere da ufficio

Colleghi distanti che non possono parlare né collaborare. Perché anche perdere tempo può servire in un ufficio

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Albertini tenta i moderati e i Cinque Stelle lo aiutano

Il sindaco di Milano presenta la sua lista con tutti i big e punta alla doppia cifra. Ma non è ancora risolto il nodo Cinque Stelle in coalizione che spaventa moderati e centristi. E se il centrodestra ha Gabriele Albertini...

Ddl Zan, volano gli stracci nella sinistra-sinistra

Luca Paladini e i Sentinelli attaccano chi da sinistra critica il Ddl Zan: "La sinistra che parla come Pillon". Volano gli stracci fra vecchie e nuove femministe e addirittura dentro i Verdi. Fra i litiganti, la Lega gode