Politics Giustizia italiana: chi ammazza due persone torna a casa e chi fa...

Giustizia italiana: chi ammazza due persone torna a casa e chi fa “affari” sta in carcere

In un Paese tra i primi dieci del mondo, industrializzato e con una storia millenaria, succedono cose strane. Succede che un giorno un ex magistrato scrive un libro molto duro e documentato su come viene amministrata la giustizia italiana. Scrive di nomine pilotate, di attacchi da parte della magistratura a parti politiche sgradite. L’Associazione Nazionale Magistrati dice che vaglierà ogni singolo caso sollevato dall’ex magistrato, salvo poi spiegare che molti di quelli che sono stati additati delle cose peggiori si stanno dimettendo dall’associazione e che quindi l’associazione non può più far niente. Molto comodo.

Giustizia italiana, il referendum dei Radicali (appoggiato dalla Lega)

Intanto un partitino piccolo piccolo, i Radicali, propone l’ennesimo referendum sulla giustizia e raccoglie un solo appoggio: quello della Lega. L’idea è di separare le carriere: chi fa la pubblica accusa non si mette poi a fare il giudice terzo. Un po’ come succede negli altri nove primi Paesi al mondo, più o meno. Ma l’Associazione Nazionale Magistrati dice di no, ovviamente. E dice che si opporrà in ogni maniera possibile.

La giustizia italiana e il caso Eni: che debacle

Intanto a Milano è casino completo per la questione dell’Eni: una debacle totale. Non solo la Procura perde il processo contro la più grande delle partecipate dello Stato, ma addirittura finiscono indagati a Brescia perché avrebbero occultato prove decisive. Insomma, un casino.

Coppia uccisa sul Garda, i tedeschi indagati già a casa

In tutto questo proprio la Procura di Brescia fa tornare in Germania, sulla loro bella Porsche, due turisti tedeschi che completamente ubriachi hanno speronato e ucciso due italiani in barca sul lago di Garda. Dicono che la legge dice questo, e non ci si può far niente. Al contempo c’è gente che viene messa dentro per traffico di influenze che – si consentirà – pare reato un po’ meno grave di aver ammazzato due persone.

Siamo il Paese europeo con la storia più fulgida e millenaria, e uno dei dieci più ricchi al mondo. Ma che sia un Paese tra i più giusti non si direbbe proprio. E infatti non lo è.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Comunali 2021, è ufficiale: si vota il 3 e 4 ottobre. Ballottaggi il 17 e 18 ottobre

La ministra dell'interno Luciana Lamorgese ha firmato il decreto: per le comunali si voterà il 3 e 4 ottobre (il 17-18 ottobre i ballottaggi)

Le sedi delle prossime olimpiadi? Ecco quali città le ospiteranno (e chi sta pensando di candidarsi)

Quali saranno le città che ospiteranno i prossimi giochi olimpici? Fino al 2032 le Olimpiadi sono già state assegnate, e fioccano candidature in vista del 2036

Ius soli sportivo: cos’è e come funziona lo strumento richiesto dal Coni

Lo Ius soli sportivo prevede la possibilità che giovani stranieri partecipino a competizioni per squadre italiane ma non permette di ottenere la cittadinanza escludendoli dalle convocazioni della Nazionale.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Comunali 2021, è ufficiale: si vota il 3 e 4 ottobre. Ballottaggi il 17 e 18 ottobre

La ministra dell'interno Luciana Lamorgese ha firmato il decreto: per le comunali si voterà il 3 e 4 ottobre (il 17-18 ottobre i ballottaggi)

Cardinale Becciu, via al processo in Vaticano. Il quadro dello scandalo finanziario e le conseguenze della riforma del Papa

Caso Becciu, per la prima volta in Vaticano un cardinale è processato da laici. Segno che la resa dei conti è arrivata

Giuseppe De Donno, il dottore ucciso da invidia e interessi di parte

Un medico che ha messo sempre il paziente prima di tutto. E per questo è stato infangato da luminari colleghi e detrattori

Csm e magistratura, il pm Paolo Storari paga per tutti. Ma la vera storia è quella del “cesto di mele marce” di Di Pietro

Mario Chiesa diceva a Di Pietro: io sono la mela marcia? Ora le racconto il resto del cestino. Un'immagine perfetta di cosa sta accadendo in Procura a Milano e fra le toghe di mezza Italia

Inchiesta appalti negli Hotel, il sistema delle “società serbatoio”. Gip convalida sequestro da 22 milioni

Il Gip del Tribunale di Milano ha deciso di convalidare il sequestro di 22 milioni di euro a carico del gruppo Cegalin-Hotelvolver