Politics Il centrodestra vuole vincere a Milano ma lo sa dov'è Palazzo Marino?

Il centrodestra vuole vincere a Milano ma lo sa dov’è Palazzo Marino?

I doppi, tripli (a volte quadrupli) incarichi del centrodestra a Palazzo Marino sono un problema in vista delle elezioni

di Francesco Floris

I numeri parlano chiaro. Mariastella Gelmini ha partecipato al 30% delle sedute e al 4,8% delle votazioni. L’ex ministro dell’Istruzione bocciata per eccesso di assenze. Il capogruppo della Lega Alessandro Morelli va meglio ma non è sufficiente: 70% delle presenze ma solo il 26% delle votazioni. Può c’entrare il fatto che nel 2018 sia diventato anche membro della Camera dei Deputati?Per non parlare di Gianluca Comazzi: 70% delle sedute a Palazzo Marino e il 29,8% delle votazioni. Del resto non ha troppo tempo: è anche consigliere regionale e capogruppo di Forza Italia al Pirellone. Luigi Pagliuca (Forza Italia-Berlusconi Presidente) si è recato a “lavoro” nel 44% delle sedute e ha votato nel 16% dei casi. Manfredi Palmeri della Lista Civica Parisi ha deciso di esprimere il suo voto nel 27% delle votazioni disponili. Certo, ha imparato dal migliore: Stefano Parisi – che addirittura di Milano voleva fare il sindaco – in consiglio comunale ha ben pensato di presentarsi per votare contro i provedimenti della giunta Sala nel 5,6% dei casi. Tradotto in cifre sono 221 votazioni su 3885 totali. Non male. Ecco. Diciamo due, anzi tre, verità. Prima verità: fare il consigliere comunale è pagato troppo poco, al di là di qualsiasi sciocca polemica su caste e bonus 600 euro dell’Inps. Seconda verità: Milano è improvvisamente diventata contendibile dopo dieci anni e il centrodestra ha chances di vincere la corsa 2021 per Palazzo Marino. Terza verità: per farlo sarebbe il caso che i suoi dirigenti rinunciassero ai doppi, tripli, quadrupli incarichi una volta eletti. E che imparassero a memoria la strada che conduce in Piazza della Scala.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Francesco Floris
Francesco Floris
Nato nel 1989, trentino, milanese d'adozione,. Giornalista freelance. Collaboratore di True-News, Fatto Quotidiano, Affaritaliani.it Milano, Linkiesta, Gli Stati Generali, Vice, Il Dubbio, Redattore sociale. Per segnalazioni scrivimi a francesco.floris@true-news.it o frafloris89@gmail.com

Più articoli dello stesso autore

Cr7 dice no alla Coca Cola, ma si presta alle pubblicità per il poker online e il pollo fritto

Cristiano Ronaldo, detto cr7, vuole riciclarsi salutista. Alla Coca Cola dice no, ma il pollo fritto e il poker online?

Green pass: come ottenerlo e quando, in quali occasioni è obbligatorio – LA GUIDA

I vacanzieri italiani stanno scaldando i motori. C’è chi è già in villeggiatura, ma molti si stanno preparando per godersi quest’estate, dopo...

Bonus vacanze 2021 aggiornamento: come, quando e dove usarlo

Tempo di vacanze, esodi di massa? Quasi: 41 milioni di italiani si concederanno un periodo di ferie lontano da casa, ben 11...

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Cr7 dice no alla Coca Cola, ma si presta alle pubblicità per il poker online e il pollo fritto

Cristiano Ronaldo, detto cr7, vuole riciclarsi salutista. Alla Coca Cola dice no, ma il pollo fritto e il poker online?

M5S fallito? La dimostrazione sono Raggi e Appendino

C'è un qualche contrappasso del destino nel fatto che proprio quelli che dovevano rinnovare tutto, alla fine sono sempre gli stessi. Il...

Giuseppe Conte, quella corrispondenza d’amorosi sensi con Alessandro Di Battista

Giuseppe Conte vuole coinvolgere Alessandro Di Battista. E per farlo sta inviando all'ex deputato diversi segnali...

Scalo Romana a Milano, l’architetto Paolo Mazzoleni sarà consulente del Masterplan vincitore

Ci sarà anche Paolo Mazzoleni nella “partita olimpica” per la trasformazione dello scalo ferroviario di Porta Romana

Beppe Grillo sul blog e Massimo D’Alema imbarazzano il Premier Mario Draghi

Le uscite di Beppe Grillo e Massimo D'Alema pro Cina disturbano il premier Mario Draghi, che punta sull'asse filo-atlantico