Politics Il governo Draghi si prenda le sue responsabilità sui vaccini (una volta...

Il governo Draghi si prenda le sue responsabilità sui vaccini (una volta per tutte)

Di Fabio Massa

C’è una cosa che da un anno mi perplime, per dirla alla Guzzanti. Sono perplesso dal fatto che – in uno scaricabarile continuo – tutta questa pandemia sia gestita in un inaccettabile pendolo tra Stato e Regioni. Mi spiego. La Costituzione dice chiaro e tondo che la gestione della sanità è regionale. Ma una sentenza della Corte Costituzionale di alcuni mesi fa dice altrettanto chiaro e tondo che la gestione di una pandemia è materia statale. Statale. Tutto chiaro? Se fosse tutto chiaro, allora le linee programmatiche sui vaccini sarebbero prescrittive – e il solito De Luca dovrebbe stare muto: si vaccina esattamente chi dice lo Stato centrale come dice lo Stato centrale e con il personale che dice lo Stato centrale. Ad esempio, usando l’esercito ovunque. Ad esempio, mettendo l’esercito a coordinare tutte le strutture ed esautorando di fatto le Regioni da qualunque autorità decisionale. E – di fatto – assumendosi le responsabilità complete di tutto. C’è una coda su un marciapiede? Colpa di Draghi. C’è una dose che fa venire una trombosi? Colpa di Speranza. Non di De Luca, Bonaccini, Fontana, Zaia eccetera. No, colpa del Governo. Avrebbe il Governo la forza legislativa di prendere una decisione del genere? Sì, lo dice una sentenza della Consulta, come dicevo.


Invece no. E’ dall’inizio della pandemia che è tutto un gioco di rimpalli. Speranza dice che i test rapidi non vanno bene, lo scrive nero su bianco, la Lombardia segue l’indicazione e non li fa e viene crocifissa, il Veneto se ne frega e li fa e finisce in Paradiso. Chi doveva chiudere la bergamasca? Adesso pare proprio che l’inchiesta punti su Roma, e vivaddio non ci vuole un genio a capire che per chiudere una valle ci vuole l’esercito che non viene comandato dal Governatore. Ma sono storie vecchie, che oggi non interessano a nessuno. Passiamo al presente. Le linee guida dicono prima gli 80enni, e poi a scendere. Queste linee sono prescrittive oppure indicative? Se sono prescrittive allora il Governo faccia esposti contro i Governatori che pensano di fare di testa propria. Se sono indicative, il premier la smetta di andare in tv a invitare i Governatori. Precetti e basta. E già che può precettare, chiami pure i medici di base a fare qualcosa, che sono un bel po’ che  dall’inizio dell’emergenza Covid non rispondono manco alle chiamate dei pazienti.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

F1, Sebastian Vettel penalizzato per la maglia arcobaleno: la protesta del pilota contro la legge anti-Lgbtq+ in Ungheria

Vettel, il pilota della Ferrari, è sotto investigazione per non aver rispettato le procedura del pre-gara del Gran Premio in Ungheria.

Vanessa Ferrari, quando gareggia: data, ora, come vedere la diretta tv della finale delle Olimpiadi Tokyo 2021

Vanessa Ferrari è arrivata in finale di corpo libero alle Olimpiadi di Tokyo 2021. Proverà a vincere la medaglia d'oro olimpica.

Chiara Bontempi, chi è la fidanzata (e futura moglie) di Gianmarco Tamberi

Il segreto del successo per Gianmarco Tamberi? Gli allenamenti, la sua tenacia ma anche la sua fidanzata (e futura moglie) Chiara Bontempi

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Cardinale Becciu, via al processo in Vaticano. Il quadro dello scandalo finanziario e le conseguenze della riforma del Papa

Caso Becciu, per la prima volta in Vaticano un cardinale è processato da laici. Segno che la resa dei conti è arrivata

Giuseppe De Donno, il dottore ucciso da invidia e interessi di parte

Un medico che ha messo sempre il paziente prima di tutto. E per questo è stato infangato da luminari colleghi e detrattori

Csm e magistratura, il pm Paolo Storari paga per tutti. Ma la vera storia è quella del “cesto di mele marce” di Di Pietro

Mario Chiesa diceva a Di Pietro: io sono la mela marcia? Ora le racconto il resto del cestino. Un'immagine perfetta di cosa sta accadendo in Procura a Milano e fra le toghe di mezza Italia

Inchiesta appalti negli Hotel, il sistema delle “società serbatoio”. Gip convalida sequestro da 22 milioni

Il Gip del Tribunale di Milano ha deciso di convalidare il sequestro di 22 milioni di euro a carico del gruppo Cegalin-Hotelvolver

Comunali Milano 2021, nella città simbolo del Covid è caccia al “professionista della salute” da candidare

Dopo l'arrivo del Covid crescono i medici che puntano ad entrare in politica (perchè la politica li cerca). L'esempio più lampante? Milano