Politics Il governo Draghi si prenda le sue responsabilità sui vaccini (una volta...

Il governo Draghi si prenda le sue responsabilità sui vaccini (una volta per tutte)

Di Fabio Massa

C’è una cosa che da un anno mi perplime, per dirla alla Guzzanti. Sono perplesso dal fatto che – in uno scaricabarile continuo – tutta questa pandemia sia gestita in un inaccettabile pendolo tra Stato e Regioni. Mi spiego. La Costituzione dice chiaro e tondo che la gestione della sanità è regionale. Ma una sentenza della Corte Costituzionale di alcuni mesi fa dice altrettanto chiaro e tondo che la gestione di una pandemia è materia statale. Statale. Tutto chiaro? Se fosse tutto chiaro, allora le linee programmatiche sui vaccini sarebbero prescrittive – e il solito De Luca dovrebbe stare muto: si vaccina esattamente chi dice lo Stato centrale come dice lo Stato centrale e con il personale che dice lo Stato centrale. Ad esempio, usando l’esercito ovunque. Ad esempio, mettendo l’esercito a coordinare tutte le strutture ed esautorando di fatto le Regioni da qualunque autorità decisionale. E – di fatto – assumendosi le responsabilità complete di tutto. C’è una coda su un marciapiede? Colpa di Draghi. C’è una dose che fa venire una trombosi? Colpa di Speranza. Non di De Luca, Bonaccini, Fontana, Zaia eccetera. No, colpa del Governo. Avrebbe il Governo la forza legislativa di prendere una decisione del genere? Sì, lo dice una sentenza della Consulta, come dicevo.


Invece no. E’ dall’inizio della pandemia che è tutto un gioco di rimpalli. Speranza dice che i test rapidi non vanno bene, lo scrive nero su bianco, la Lombardia segue l’indicazione e non li fa e viene crocifissa, il Veneto se ne frega e li fa e finisce in Paradiso. Chi doveva chiudere la bergamasca? Adesso pare proprio che l’inchiesta punti su Roma, e vivaddio non ci vuole un genio a capire che per chiudere una valle ci vuole l’esercito che non viene comandato dal Governatore. Ma sono storie vecchie, che oggi non interessano a nessuno. Passiamo al presente. Le linee guida dicono prima gli 80enni, e poi a scendere. Queste linee sono prescrittive oppure indicative? Se sono prescrittive allora il Governo faccia esposti contro i Governatori che pensano di fare di testa propria. Se sono indicative, il premier la smetta di andare in tv a invitare i Governatori. Precetti e basta. E già che può precettare, chiami pure i medici di base a fare qualcosa, che sono un bel po’ che  dall’inizio dell’emergenza Covid non rispondono manco alle chiamate dei pazienti.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Allegri in pole per la panchina del Real (e Zidane alla Juve?)

L'ex tecnico di Milan e Juventus se la gioca con la bandiera di Madrid Raul Gonzalez Blanco. E intanto Allegri studia lo spagnolo con la compagna Ambra Angiolini

Salute Berlusconi, gli effetti del “long Covid”: ecco come sta

Girano voci contrastanti riguardo la salute di Berlusconi: il Presidente di Forza Italia è stato di nuovo ricoverato in ospedale per qualche...

Il giudice del “caso Salvini” che manda in tilt buonisti, sovranisti e pasdaran del lockdown

Nunzio Sarpietro assolve Salvini dal sequestro di persona per nave Gregoretti. Il leader della Lega esulta: “Un giudice che studia”. Ma è lo stesso che ha tolto l'associazione a delinquere alla ong Proactiva Open Arms ed è stato beccato a pranzo al ristorante durante il lockdown

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Il giudice del “caso Salvini” che manda in tilt buonisti, sovranisti e pasdaran del lockdown

Nunzio Sarpietro assolve Salvini dal sequestro di persona per nave Gregoretti. Il leader della Lega esulta: “Un giudice che studia”. Ma è lo stesso che ha tolto l'associazione a delinquere alla ong Proactiva Open Arms ed è stato beccato a pranzo al ristorante durante il lockdown

Angelo D’Orsi: “La mia Torino contro i poteri forti, basta eventi e grandi opere. Ricuciamo le periferie con la cultura”

Lo storico Angelo D’Orsi, sostenuto dalla sinistra radicale, si candida alla guida di Torino per "scardinare i poteri forti". L'obiettivo? "Vincere"

Dal barboncino di Pertini al bracco di Draghi. Ecco i cani dei potenti

Alcuni politici li usano in campagna elettorale, altri nelle questioni diplomatiche. Il semplice fatto che un leader politico venga ritratto insieme al proprio animale domestico trasmette una sensazione di vicinanza e umanità.

La sanità dei Cinque Stelle? È il “modello Veneto” (ma per la Lombardia)

Proposte di riforma della sanità lombarda? C'è anche quella che i grillini hanno chiamato “ATS Lombardia”, che di fatto ricalca quanto già esiste oggi in Veneto con l'Azienda Zero

Recovery Plan a Milano? Salta riapertura dei Navigli, soldi a trasporti e quartieri popolari

Nella lista delle opere per il Recovery Plan a Milano i soldi per riaprire i Navigli non ci sono. L'elenco aggiornato al 10 maggio 2021, consultato da True-News, punta le proprie fiches su trasporti e qualità dell'abitare