Live

Giustizia, Bruxelles bacchetta l’Italia. I numeri dei magistrati onorari, i “precari della giustizia” dimenticati dalle riforme

Giustizia, l'Unione Europea avvia una procedura di infrazione sulla giustizia. E i giudici onorari esclusi dai finanziamenti del Recovery

Precari. Ma dentro i Tribunali d’Italia. Lavorano con la legge ma “non godono dello status di lavoratore in base al diritto nazionale italiano”. Dopo anni di avvisi l’Unione Europea bacchetta Roma sulla magistratura onoraria. Sono 4815 i magistrati onorari in effettivo servizio nella giurisdizione di primo grado. Non possono accedere accedere all’indennità in caso di malattia, infortunio e gravidanza. Penalizzati dall’obbligo di iscriversi presso il fondo nazionale di previdenza sociale per i lavoratori autonomi, dai divari retributivi rispetti ai magistrati ordinari e dalla discriminazione fiscale, fino al mancato accesso al rimborso delle spese legali sostenute durante procedimenti disciplinari e al congedo di maternità retribuito. Insomma: i “precari della giustizia”.

La procedura di infrazione avviata da Bruxelles contro l’Italia

Bruxelles ha deciso di avviare una procedura di infrazione inviando una lettera di costituzione in mora a Roma in quanto “la legislazione nazionale applicabile ai magistrati onorari non è pienamente conforme al diritto del lavoro dell’Ue”. L’Italia ora dispone di due mesi per adottare le misure necessarie a tutelare la categoria degli abusi derivanti dai continui contratti a tempo determinato e dall’assenza di un sistema di calcolo dell’orario di lavoro giornaliero di ciascun magistrato. Trascorsi 60 giorni la Commissione potrà decidere di inviare un parere motivato.

Procedura di infrazione Ue: cosa si contesta all’Italia sulla giustizia

Nel mirino della Commissione entra solo un pezzo del problema.

La procedura d’infrazione contro l’Italia riguarda infatti i Giudici di Pace (1138), i 1189 Giudici onorari di Tribunale (Got) e i 1688 Vice procuratori onorai (Vpo), secondo i numeri aggiornati periodicamente dal Csm, l’organo di autogoverno della magistratura dove comunque la categoria non ha diritto di voto o rappresentanza all’interno. Ma nel conteggio totale dei giudici onorari ci sarebbero anche 369 professionisti con il ruolo di “Componente privato corte d’appello dei minorenni”, altri 728 nei tribunali dei minori, 454 esperti di sorveglianza, 30 esperti per il Tribunale delle Acque Pubbliche, 14 giudici onorari di pace, 13 ausiliari di Cassazione e 305 ausiliari di Corte d’Appello.

Unione nazionale Giudici di Pace, le stime del 2019

Secondo stime 2019 dell’Unione nazionale Giudici di Pace (Unigipa), i magistrati onorari coprono il 65 per cento degli affari civili in primo grado e l’80 per cento del penale con il ruolo di Vpo. Nati con mansioni e competenze diluite hanno finito per occuparsi di tutto. Dalle cause condominiali sul regolamento, al recupero crediti, alle sanzioni amministrative. Dai tempi delle leggi Turco-Napolitano e poi Bossi-Fini sull’immigrazione, prima i pretori e poi i giudici di pace decidono anche sulla libertà delle persone. Si celebrano davanti a loro le udienze di convalida per le espulsioni degli stranieri irregolari o per la detenzione amministrativa nei centri per rimpatri ed espulsioni. Nelle regioni più sensibili alle infiltrazioni criminali non è impensabile trovare i Got e i Vpo anche in udienza anche per i procedimenti più gravi come rapine, furti, spaccio di droga, anche quando connessi ad associazioni per delinquere di stampo mafioso. Venivano addirittura pagati a cottimo in base a udienze, ordinanze e sentenze.

I magistrati onorari esclusi dal Recovery

“Si avvicina il 15 agosto 2021 e cinquemila lavoratori fanno i conti con la più totale incertezza circa il loro futuro” ha scritto al Governo AssoGOT, la rappresentanza dei Giudici Onorari di Tribunale. “I magistrati onorari sono stati non solo lasciati indietro, ma altresì rimossi dall’agenda della politica, che li ha inspiegabilmente esclusi dai progetti finanziati con il Recovery Fund, tagliandoli fuori da tutti i piani straordinari di assunzione che fioriscono rigogliosi nel comparto Giustizia e in altri ministeri”. Contestano i piani, per esempio sugli uffici del Giudice di Pace già oggi sotto organico dell’ 80% dove non si pensa a stabilizzare in via preferenziale i 2mila GOT in servizio ma i futuri magistrati ordinari vincitori di concorso. Mentre le posizioni vacanti vengono “congelate”.