Politics Enrico Letta, il baby sitter del governo Draghi

Enrico Letta, il baby sitter del governo Draghi

di Francesco Floris

Non possiamo essere il partito del potere”. Sarà pure come dice Enrico Letta durante il discorso domenicale che lo incorona nuovo segretario del Partito democratico di fatto all’unanimità. Avrà di certo ragione lui, ma intanto la “chiamata” per il docente di Sciences Po ed ex premier per guidare i dem allo sbando è arrivata proprio dal “potere”. Quello vero. Tre telefonate, sembrerebbe dai rumors di corridoio romani, ricevute nella settimana post dimissioni di Nicola Zingaretti. La prima di Mario Draghi. La seconda di Sergio Mattarella. E infine quella cruciale di Ursula Von der Leyen. Tanto è bastato al nipote di Gianni per prendere una decisione che a giudicare dalle interviste degli ultimi anni, e anche mesi, sembrava davvero remota. Tre telefonate, poi la “passerella” venerdì sera a Propaganda Live su La7 (profumo di investitura di Urbano Cairo?) e infine domenica 14 marzo l’acclamazione, senza discussione, di un Pd che decide di violare la più sacra delle proprie regole, sin da quel fatidico 2007 targato Walter Veltroni: quella delle primarie, dell’investitura democratica per il segretario.

In Europa del resto c’è la convinzione, forse non del tutto a torto, che senza il Pd – questo Pd, lo stesso che in patria suscita i mal di pancia anche di elettori e simpatizzanti – il governo Draghi crollerebbe, a prescindere dai numeri in Parlamento. “Lo stare al governo a tutti i costi”, quella che ormai molti dirigenti dem rappresentano come una condanna politica (lo ha detto l’ex ministro Provenzano, ma è sentimento largamente condiviso) a Bruxelles è invece visto come una garanzia di “stabilità”. Così si ottiene il migliore dei circoli viziosi: Draghi viene chiamato per garantire la stabilità di governo da spendersi sui mercati e far funzionare campagna vaccinale e Recovery Plan; il Pd deve garantire la stabilità del governo Draghi; ed Enrico Letta serve a mantenere la stabilità del Pd. Un paese ad alto rischio sismico, continuamente alla ricerca di stabilità.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Francesco Floris
Francesco Floris
Nato nel 1989, trentino, milanese d'adozione,. Giornalista freelance. Collaboratore di True-News, Fatto Quotidiano, Affaritaliani.it Milano, Linkiesta, Gli Stati Generali, Vice, Il Dubbio, Redattore sociale. Per segnalazioni scrivimi a francesco.floris@true-news.it o frafloris89@gmail.com

Più articoli dello stesso autore

Allegri in pole per la panchina del Real (e Zidane alla Juve?)

L'ex tecnico di Milan e Juventus se la gioca con la bandiera di Madrid Raul Gonzalez Blanco. E intanto Allegri studia lo spagnolo con la compagna Ambra Angiolini

Salute Berlusconi, gli effetti del “long Covid”: ecco come sta

Girano voci contrastanti riguardo la salute di Berlusconi: il Presidente di Forza Italia è stato di nuovo ricoverato in ospedale per qualche...

Il giudice del “caso Salvini” che manda in tilt buonisti, sovranisti e pasdaran del lockdown

Nunzio Sarpietro assolve Salvini dal sequestro di persona per nave Gregoretti. Il leader della Lega esulta: “Un giudice che studia”. Ma è lo stesso che ha tolto l'associazione a delinquere alla ong Proactiva Open Arms ed è stato beccato a pranzo al ristorante durante il lockdown

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Il giudice del “caso Salvini” che manda in tilt buonisti, sovranisti e pasdaran del lockdown

Nunzio Sarpietro assolve Salvini dal sequestro di persona per nave Gregoretti. Il leader della Lega esulta: “Un giudice che studia”. Ma è lo stesso che ha tolto l'associazione a delinquere alla ong Proactiva Open Arms ed è stato beccato a pranzo al ristorante durante il lockdown

Angelo D’Orsi: “La mia Torino contro i poteri forti, basta eventi e grandi opere. Ricuciamo le periferie con la cultura”

Lo storico Angelo D’Orsi, sostenuto dalla sinistra radicale, si candida alla guida di Torino per "scardinare i poteri forti". L'obiettivo? "Vincere"

Dal barboncino di Pertini al bracco di Draghi. Ecco i cani dei potenti

Alcuni politici li usano in campagna elettorale, altri nelle questioni diplomatiche. Il semplice fatto che un leader politico venga ritratto insieme al proprio animale domestico trasmette una sensazione di vicinanza e umanità.

La sanità dei Cinque Stelle? È il “modello Veneto” (ma per la Lombardia)

Proposte di riforma della sanità lombarda? C'è anche quella che i grillini hanno chiamato “ATS Lombardia”, che di fatto ricalca quanto già esiste oggi in Veneto con l'Azienda Zero

Recovery Plan a Milano? Salta riapertura dei Navigli, soldi a trasporti e quartieri popolari

Nella lista delle opere per il Recovery Plan a Milano i soldi per riaprire i Navigli non ci sono. L'elenco aggiornato al 10 maggio 2021, consultato da True-News, punta le proprie fiches su trasporti e qualità dell'abitare