Politics Covid, perché sta andando tutto molto peggio di quando dicevamo "andrà tutto...

Covid, perché sta andando tutto molto peggio di quando dicevamo “andrà tutto bene”

Piccola rassegna minima del perché sta andando tutto molto peggio di quanto ci si potesse immaginare. Primo. Si pensava che stando a casa, lavorando nel proprio salotto o sul proprio divano, sarebbe stato tutto più bello. Tutti più rilassati, come nelle pubblicità del lavoro da remoto (a proposito: lo sapevate che in inglese il termine smart-working, ovvero lavoro intelligente, non esiste? Lo chiamano remote working, ovvero lavoro da remoto. Qualcosa vorrà pur dire). L’idea mitica di anni fa: lavori qualche ora, poi ti fai una passeggiata in riva al mare e poi torni a lavorare. E tutto è bello, se non fosse che finisci dallo psichiatra perché alla fine non smetti mai di lavorare.


Secondo. La cultura. Si pensava che avendo meno tempo da passare sui mezzi pubblici, nel ventre delle metropolitane, saremmo stati tutti più alle prese con libri di tutti i tipi. Per carità, le vendite sono aumentate un po’, ma in effetti neanche più di tanto. Libri non se ne leggevano molti prima e non se ne leggono molti adesso. Tanto meno i giovani. Sono esplosi i social, sempre meno approfonditi e frenetici, come Tik Tok. Intanto i pochi che andavano nei musei, nei teatri e nelle sale concerto si sono pure disabituati ad andarci.

Terzo. L’informazione. Quando uno è alle prese con la propria vita, con la propria salute, è interessato a fonti qualificate. Il problema è che i media alla canna del gas con le copie e i conti, con i numeri delle edicole in caduta libera anno su anno, con la voglia di apparire di scienziati e pseudo tali, hanno reso l’informazione non credibile e in fondo opinabile. E se Corriere e Repubblica dicono uno il contrario dell’altra, e ciascuno il contrario di se stesso nel giro di due giorni, io che sono il lettore come faccio a fidarmi di entrambi? E dico due nomi solo per far capire quanto questo concetto abbia toccato il gotha del giornalismo. Non parliamo di chi invece aveva finalità politiche (un esempio: il Fatto Quotidiano o Libero, per dirne due a caso). Paradossalmente ad essere colpito è stato il giornalismo indipendente perché le posizioni di quello schierato erano quantomeno comprensibili. Ora, se un’opinione vale l’altra, dove sta l’autorevolezza? Che non vuol dire opinione unica, ma neppure tutte le opinioni uguali. Insomma, risultato? Pure l’informazione ce la siamo giocata.


Quarto. La scuola. Possono dire quel che vogliono, ma studiare da casa non ha giovato ai ragazzi. In molti non hanno fatto nulla, quelli che volevano fare qualcosa hanno avuto maggiori difficoltà, tutti e dico tutti si porteranno dietro problemi di socializzazione per i prossimi decenni.
L’unica cosa buona, in tutto questo, è l’inguaribile ottimismo che provo di fronte alle nuove generazioni. Inguaribile: dicevano di noi che eravamo peggio dei nostri genitori e dei nostri genitori che erano peggio dei nonni e così andare. Invece i nostri figli saranno meglio di noi, ne sono certo. In qualche maniera, saranno migliori: più poveri, con meno scuola, con una diversa socialità, ma sapranno trovare la loro strada.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Covid e patologie cardiovascolari. Battistina Castiglioni ne parla a The True Show

Come ha reagito la rete cardiologica alla pandemia Covid? La dottoressa Castiglioni, consigliere nazionale GISE, a The True Show

Anemia falciforme, gli esperti a confronto

Tremila casi in Italia ma è la punta dell'iceberg: la dottoressa Erica Daina e la professoressa Maria Domenica Cappellini spiegano cosa serve dal lato terapie e organizzazione contro la malattia rara causata da una mutazione genetica ereditaria

Rsa, il piano Regione-Finlombarda contro la crisi delle strutture

Fino a tre milioni di euro di garanzie da Regione Lombardia. Dentro al piano da 30 milioni di euro gestito da Finlombarda spa – il braccio finanziario della Regione – che in qualità di intermediario finanziario assicurerà il “sostegno del fabbisogno di liquidità” alle Residenza Sanitarie Assistenziali (Rsa) no-profit accreditate con il sistema sanitario regionale

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Antonio Barbato rinviato a giudizio

L’ex comandante della polizia locale Antonio Barbato è stato rinviato a giudizio nel procedimento aperto contro di lui per falso ideologico e frode in pubbliche forniture. Una vicenda processuale che si riferisce a fatti del 2015

Nel mondo “chiuso” della Società del Giardino c’è un nuovo presidente: Fiori

Tornare alla tradizione. Pare questa la parola d'ordine del nuovo presidente della Società del Giardino, Lorenzo Fiori

Silenzi Pd sull’addio di Gentili, il consigliere rompiballe che segue i soldi di Milano

Il Pd decide di non ricandidare a Milano il presidente della Commissione Antimafia, David Gentili. C'entrano qualcosa le sue domande scomode per la città?

Berlusconi, da drago a cui si offrono le vergini a statista (in ospedale)

Silvio Berlusconi sorprende ancora. Per 20 anni abbiamo sbagliato tutto o il panorama attuale è così desolante da far rimpiangere il passato?

Politici e social network, la top 10 dei più seguiti in Italia e nel mondo

L’avvento dei social network ha modificato radicalmente il rapporto tra la politica e i cittadini. Negli ultimi anni, in maniera esponenziale, i...