Politics “Il centrodestra farà lo Stadio, i milanesi caccino Sala”

“Il centrodestra farà lo Stadio, i milanesi caccino Sala”

di Alessandro De Chirico, consigliere comunale di Milano, Forza Italia

Nella settimana appena conclusasi il dibattito sul progetto “Nuovo stadio” si è acceso dopo la sparata del sindaco di Milano in merito alle vicende societarie dell’Inter. Sala, tirato per la maglia dai suoi, ha gelato tutti nel chiedere chiarezza in merito al passaggio di proprietà della squadra nerazzurra. La quale ha risposto piccata che “l’Inter c’era prima e ci sarà anche dopo il sindaco Sala”.

Qualche mese fa il primo cittadino meneghino aveva chiesto la stessa trasparenza sulla proprietà del Milan, come se fosse un giudice inquisitore del nuovo millennio e se spettasse a lui mettere il becco nelle vicende societarie private. Se Sala ha timori sulle proprietà delle due ultracentenarie società calcistiche meneghine lo sfido a revocare immediatamente la concessione dell’impianto intitolato a Giuseppe Meazza fino a quando non sarà fatta chiarezza. Entrambe le squadre hanno campi di loro proprietà e giocando le competizioni a porte chiuse non avranno problemi organizzativi, a risarcire abbonamenti e quant’altro.

La verità è che il sindaco non vedeva l’ora di trovare una giustificazione per spiegare come mai il dossier “nuovo stadio” è ancora fermo dopo quasi due anni dalla presentazione dei progetti. Da quando si è iniziato a parlare del nuovo stadio, il sindaco ha sempre giocato sulla difensiva, un catenaccio puro, in cui i mediani ecotalebani, progressisti e giustizialisti hanno interpretato il ruolo di consiglieri comunali da interdittori. Ancora di più, oggi, mister Beppe cerca di fare catenaccio in vista delle prossime elezioni. Non vuole rischiare perdere consenso tra gli ipotetici elettori verdi a cui Beppe Thunberg ha iniziato a strizzare l’occhio. Milano non può permettersi di dire no a un investimento privato da 1,2 miliardi di euro, come Milano non può permettersi che dopo le minacce di lasciare la città da parte delle società meneghine seguano i fatti.

Significherebbe abbandonare al degrado e all’incuria un manufatto che il Comune non può permettersi di manutenere. Bene che Sala butti la palla in tribuna dimostrando ai milanesi tutta la sua incapacità decisionale e molto bene che, finalmente, tutto il centrodestra abbia rilasciato dichiarazioni importanti su quelle che sono le nostre intenzioni di sviluppo dell’area. Il nuovo mister-sindaco del centrodestra saprà cogliere al volo l’occasione per dare nuova spinta alla nostra città. E per quanto riguarda Sala…milanesi, esoneratelo!!

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

M5S fallito? La dimostrazione sono Raggi e Appendino

C'è un qualche contrappasso del destino nel fatto che proprio quelli che dovevano rinnovare tutto, alla fine sono sempre gli stessi. Il...

Chi è Valentina Sganga, candidata sindaca per il M5s alle elezioni Torino 2021

Chi è Valentina Sganga, che ha annunciato ai suoi elettori e follower l’intenzione di candidarsi sindaca alle elezioni di Torino 2021

Chi è Andrea Russi, candidato M5S alle elezioni Torino 2021

Andrea Russi è un giovane politico del MoVimento 5 Stelle, prima consigliere comunale e ora candidato alle elezioni Torino 2021

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

M5S fallito? La dimostrazione sono Raggi e Appendino

C'è un qualche contrappasso del destino nel fatto che proprio quelli che dovevano rinnovare tutto, alla fine sono sempre gli stessi. Il...

Giuseppe Conte, quella corrispondenza d’amorosi sensi con Alessandro Di Battista

Giuseppe Conte vuole coinvolgere Alessandro Di Battista. E per farlo sta inviando all'ex deputato diversi segnali...

Scalo Romana a Milano, l’architetto Paolo Mazzoleni sarà consulente del Masterplan vincitore

Ci sarà anche Paolo Mazzoleni nella “partita olimpica” per la trasformazione dello scalo ferroviario di Porta Romana

Beppe Grillo sul blog e Massimo D’Alema imbarazzano il Premier Mario Draghi

Le uscite di Beppe Grillo e Massimo D'Alema pro Cina disturbano il premier Mario Draghi, che punta sull'asse filo-atlantico

Funivia Mottarone e tg3, ecco perché è giusto pubblicare il video della cabina che precipita

Funivia Mottarone, pubblicare il video della cabina che precipita è giusto, non uno scandalo. Si chiama giornalismo.