Politics La solitudine di Beppe Sala, la peggior campagna elettorale possibile

La solitudine di Beppe Sala, la peggior campagna elettorale possibile

Io non ho mai visto una campagna elettorale più moscia e inutile di quella che dovrebbe interessare – in effetti non interessa a nessuno – la città di Milano. Le ragioni sono varie, e alcune molto scontate. La prima è che manca il competitor di Beppe Sala. Se sarà uno sparring partner, contro il quale Sala potrà esercitarsi, o un competitor vero, lo vedremo. Roberto Rasia è in campo, anche se Alessandro Cattaneo ha detto che Maurizio Lupi è la prima scelta di Forza Italia, aggiungendo però che tocca alla Lega scegliere sotto la Madonnina. Ad ogni modo, se manca il competitor manca la competizione. E’ un problema che si devono porre anche quelli che sostengono Sala. Le campagne elettorali servono a far emergere idee, ad ascoltare i quartieri, e nella difficoltà viene distillato il succo migliore. Così invece si rischia di addormentarsi, e la città è ferma nella sua elaborazione politica.

La destra al governo è – appunto – una destra di governo. Come declina questa sua nuova natura a Milano? Ha voglia di iniziare a intrecciare un percorso con le realtà produttive e con i ceti che un tempo votavano centrodestra e che adesso sono saldissimi capisaldi del centrosinistra? La competizione sulle idee di futuro, sulle soluzioni per il lavoro, i diritti, lo smartworking, è sana e giusta per la città di Milano. Questo deserto dei tartari, dove la gente sta chiusa in casa, e neanche riflette più su quello che avviene fuori, ricorda quella metafora del tornado. Durante una tempesta tutti si chiudono dentro, ma i danni che ha fatto il tornato, là fuori, li vedranno solo quando sarà finito tutto. Ecco, la politica dovrebbe occuparsi di questo: guardare quello che sta succedendo col Covid e ipotizzare la città del futuro. Che nell’immediato sarà più povera, con più diseguaglianze, con meno possibilità e attrattività. Ma che proprio da questo deve ripartire, in una logica di dialogo e anche di contrapposizione tra le parti, non di monologo da parte di un lato solo.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Gig economy, significato e non solo: tutto quello che c’è da sapere

Che cos'è la Gig Economy? Perché questo fenomeno economico che sta crescendo a velocità esponenziale divide tanto l’opinione pubblica?

Concorsi scuola 2021: docenti e personale ATA

Diversi i concorsi scuola previsti nel 2021: tra questi 2 concorsi straordinari e 2 ordinari per docenti e uno per personale ATA

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Fontana, la pandemia e la lezione da impartire a chi non la pensa come te

Ieri ho appreso una lezione. In effetti, non ci voleva molto, ma è sempre importante ricordarsi qual è il mondo con cui...

“Negli Stati Uniti in due ore ti fai il vaccino: basta il passaporto”

"Ciao a tutti, ho appena fatto il vaccino in farmacia qui a New York, una farmacia che non è un centro specializzato...

Esame Avvocato: caos al software Ministero, le promesse infrante della Cartabia

Migliaia di dati in fuga e privacy violata dal sistema di via Arenula. I praticanti: "Sono di Milano, mi convocano a Catanzaro con un altro nome"

Antonio Barbato rinviato a giudizio

L’ex comandante della polizia locale Antonio Barbato è stato rinviato a giudizio nel procedimento aperto contro di lui per falso ideologico e frode in pubbliche forniture. Una vicenda processuale che si riferisce a fatti del 2015