Politics Riattivare l'Area C è da irresponsabili

Riattivare l’Area C è da irresponsabili

Domani il Comune riattiverà le telecamere di Area C. Un provvedimento assolutamente sbagliato e pericoloso perché il sovraffollamento dei mezzi pubblici rischia di far diffondere maggiormente il virus reso ancora più insidioso dalle varianti recentemente registrate. Da quasi dieci anni evidenziamo che Area C non serve a nulla contro lo smog: chi vuole entrare in centro paga ed è libero di circolare, non sono 5€ a fermare chi vuole spostarsi con la propria auto. Di contro, chi non vorrà pagare andrà a utilizzare i mezzi in un orario molto delicato, con il rischio di accrescere il rischio. Considerato che il problema del sovraccarico dei mezzi pubblici si verifica maggiormente in orario mattutino, ritengo che prima di riattivare Area C sia imprescindibile rivedere ancora gli orari scolastici per evitare l’affollamento di mezzi e metropolitana nell’orario di punta.

Per ridurre l’inquinamento causato dal traffico automobilistico vanno cancellate le corsie ciclabili disegnate sull’asfalto che, come dimostrato, congestionano maggiormente il traffico producendo ulteriore smog, non sono sicure ed hanno creato diversi problemi alla mobilità delle vie in cui sono state imposte. Siamo in emergenza sanitaria, oltre al vaccino, serve la collaborazione di tutti! In conclusione una nota polemica: devo evidenziare che non più di una settimana fa l’assessore Granelli aveva categoricamente smentito la riattivazione delle telecamere del centro. Il provvedimento la dice lunga su quanto valgano le parole dell’esponente del PD che in questi cinque anni si è dimostrato assolutamente incapace di gestire la mobilità cittadina.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Il ministro vuole la DAD per sempre? No, grazie

Mentre il nuovo ministro dell'istruzione Bianchi pensa al futuro della DAD, le scuole vanno avanti (e pure i vaccini)

Denuncia caso Covid, l’azienda lo licenzia. La Uil contro il colosso dei cereali

Il caso alla Lameri spa di Cremona contro il Responsabile sicurezza dei lavoratori. Accusato di non aver rispettato i protocolli. Michele Saleri, segretario Uil: "Azione ritorsiva, i lavoratori avranno paura a parlare". L'avvocato annuncia ricorso

La Lega punta sui giovani per contrastare Beppe Sala

Le proposte degli under 30 del Carroccio: metro aperta 24 ore su 24 il venerdì e il sabato, attenzione alla sicurezza e agli orari delle biblioteche

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

La Lega punta sui giovani per contrastare Beppe Sala

Le proposte degli under 30 del Carroccio: metro aperta 24 ore su 24 il venerdì e il sabato, attenzione alla sicurezza e agli orari delle biblioteche

Lo strano caso dell’appalto da 12 milioni e il ricorso delle Coop al Tar

La Cordata e Fondazione dar contro Spazio Aperto Servizi per l'appalto da 12 milioni di "Milano Abitare" su cui il Comune scommette molto per creare un mercato della casa accessibile ai redditi bassi. Il Terzo Settore mostra gli artigli nell'anno delle elezioni. Ora la gara è da rifare