Politics L'incomprensibile scelta di Area C mentre impazzano le varianti da Covid

L’incomprensibile scelta di Area C mentre impazzano le varianti da Covid

Premessa di merito. Quanto sto per scrivere non attiene all’ambientalismo, alla destra e alla sinistra, alle polemiche, alle manifestazioni e alle prossime elezioni incipienti. Attiene al rispetto del cittadino. Io credo che la politica debba sempre e comunque dare una opportunità di scelta. Mi spiego: se tu vieti di mangiare il pane, devi poter far mangiare la pasta, e se vieti la pasta devi poter far mangiare la carne, e così via. Non puoi vietare tutto. Altrimenti giocoforza il cittadino, che a digiuno non ci può stare, dovrà infrangere la regola. E non solo: ti odierà perché non gli hai dato la possibilità di seguire le regole. In più, visto che gli fai infrangere le regole che hai dato, fai sì che non si fidi più di te, e questo è un punto, e non si fidi più delle regole, il che è pure peggio perché la prossima volta, con più disinvoltura, disobbedirà.


Tutto questo per dire che la riattivazione di Area C è una solenne cazzata. Certo, ha una sua logica: l’aria a Milano sta peggiorando, ed è un fatto che con l’aria peggiore si respira peggio e ci sono più malattie cardiovascolari. Ma è anche un fatto incontrovertibile che se si affollano i mezzi pubblici, la malattia che uno si prende è di tipo virale, e si chiama Covid. Dunque, riattivare Area C – anche se dalle 10 – spingerà più persone sui mezzi pubblici che peraltro sono a capienza ridotta per motivi di distanziamento. Ora, il lavoratore ha due scelte: rischiare sul mezzo pubblico oppure prendere l’automobile e fregarsene dell’ambiente pagando Area C. E si incazza, per questo. Perché non può fare altro che pagare senza avere una reale scelta. Tanto più – e questo rende la scelta ancora più assurda – che in questo periodo tutta la politica sta ipotizzando ulteriori chiusure a causa delle varianti. Ma allora com’è che tutto deve stare chiuso, e tutti devono stare distanti, e va bene assembrarsi sui mezzi pubblici? Scelte che non comprendo, francamente. E non si parla di destra, di sinistra o di centro. Il buon senso dovrebbe albergare ovunque.

(Foto: Wikipedia)

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Giuseppe De Donno, il dottore ucciso da invidia e interessi di parte

Un medico che ha messo sempre il paziente prima di tutto. E per questo è stato infangato da luminari colleghi e detrattori

Riccardo Muti: biografia, figli e carriera di un ambasciatore italiano nel mondo

Chi è Riccardo Muti, il celebre direttore d'orchestra che oggi, 28 luglio, compie 80 anni. Biografia, figli e carriera di un ambasciatore...

Stefano De Martino e Fiammetta Cicogna si sono sposati (ma è solo una scena di un film)

L’ex ballerino di Amici insieme alla modella e conduttrice Fiammetta Cicogna stanno girando il film dal titolo Il giorno più bello.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Giuseppe De Donno, il dottore ucciso da invidia e interessi di parte

Un medico che ha messo sempre il paziente prima di tutto. E per questo è stato infangato da luminari colleghi e detrattori

Cuba e Haiti, Venezuela e Colombia: l’America Latina in fiamme. L’estate rovente tra crisi e fermento sociale

Nei paesi del Sud America come Argentina, Cuba, Haiti, Venezuela e Colombia la crisi non si placa. E c'è il rebus Usa-Biden

Csm e magistratura, il pm Paolo Storari paga per tutti. Ma la vera storia è quella del “cesto di mele marce” di Di Pietro

Mario Chiesa diceva a Di Pietro: io sono la mela marcia? Ora le racconto il resto del cestino. Un'immagine perfetta di cosa sta accadendo in Procura a Milano e fra le toghe di mezza Italia

Inchiesta appalti negli Hotel, il sistema delle “società serbatoio”. Gip convalida sequestro da 22 milioni

Il Gip del Tribunale di Milano ha deciso di convalidare il sequestro di 22 milioni di euro a carico del gruppo Cegalin-Hotelvolver

Comunali Milano 2021, nella città simbolo del Covid è caccia al “professionista della salute” da candidare

Dopo l'arrivo del Covid crescono i medici che puntano ad entrare in politica (perchè la politica li cerca). L'esempio più lampante? Milano