Politics L'incomprensibile scelta di Area C mentre impazzano le varianti da Covid

L’incomprensibile scelta di Area C mentre impazzano le varianti da Covid

Premessa di merito. Quanto sto per scrivere non attiene all’ambientalismo, alla destra e alla sinistra, alle polemiche, alle manifestazioni e alle prossime elezioni incipienti. Attiene al rispetto del cittadino. Io credo che la politica debba sempre e comunque dare una opportunità di scelta. Mi spiego: se tu vieti di mangiare il pane, devi poter far mangiare la pasta, e se vieti la pasta devi poter far mangiare la carne, e così via. Non puoi vietare tutto. Altrimenti giocoforza il cittadino, che a digiuno non ci può stare, dovrà infrangere la regola. E non solo: ti odierà perché non gli hai dato la possibilità di seguire le regole. In più, visto che gli fai infrangere le regole che hai dato, fai sì che non si fidi più di te, e questo è un punto, e non si fidi più delle regole, il che è pure peggio perché la prossima volta, con più disinvoltura, disobbedirà.


Tutto questo per dire che la riattivazione di Area C è una solenne cazzata. Certo, ha una sua logica: l’aria a Milano sta peggiorando, ed è un fatto che con l’aria peggiore si respira peggio e ci sono più malattie cardiovascolari. Ma è anche un fatto incontrovertibile che se si affollano i mezzi pubblici, la malattia che uno si prende è di tipo virale, e si chiama Covid. Dunque, riattivare Area C – anche se dalle 10 – spingerà più persone sui mezzi pubblici che peraltro sono a capienza ridotta per motivi di distanziamento. Ora, il lavoratore ha due scelte: rischiare sul mezzo pubblico oppure prendere l’automobile e fregarsene dell’ambiente pagando Area C. E si incazza, per questo. Perché non può fare altro che pagare senza avere una reale scelta. Tanto più – e questo rende la scelta ancora più assurda – che in questo periodo tutta la politica sta ipotizzando ulteriori chiusure a causa delle varianti. Ma allora com’è che tutto deve stare chiuso, e tutti devono stare distanti, e va bene assembrarsi sui mezzi pubblici? Scelte che non comprendo, francamente. E non si parla di destra, di sinistra o di centro. Il buon senso dovrebbe albergare ovunque.

(Foto: Wikipedia)

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Hotelturist (Th Resorts): società, azionisti, management

Conoscere nuovi posti e assaporare prelibatezze culinarie, tutto da vivere in luoghi magici e soprattutto accoglienti. Hotelturist, società operante nel settore alberghiero,...

Valvitalia, la società italiana di valvole che compete con le multinazionali straniere

Attiva nel settore delle valvole, Valvitalia è la società italiana che fa concorrenza alle grandi aziende americane

Rocco Forte Hotels, hotellerie di lusso: un affare di famiglia

Dodici alberghi cinque stelle lusso sparsi nel mondo e oltre 200 milioni di sterline di fatturato l’anno. Rocco Forte Hotels è un gigante dell’hotellerie...

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Fontana, la pandemia e la lezione da impartire a chi non la pensa come te

Ieri ho appreso una lezione. In effetti, non ci voleva molto, ma è sempre importante ricordarsi qual è il mondo con cui...

“Negli Stati Uniti in due ore ti fai il vaccino: basta il passaporto”

"Ciao a tutti, ho appena fatto il vaccino in farmacia qui a New York, una farmacia che non è un centro specializzato...

Esame Avvocato: caos al software Ministero, le promesse infrante della Cartabia

Migliaia di dati in fuga e privacy violata dal sistema di via Arenula. I praticanti: "Sono di Milano, mi convocano a Catanzaro con un altro nome"

Antonio Barbato rinviato a giudizio

L’ex comandante della polizia locale Antonio Barbato è stato rinviato a giudizio nel procedimento aperto contro di lui per falso ideologico e frode in pubbliche forniture. Una vicenda processuale che si riferisce a fatti del 2015