Politics Chiara Appendino, pessima sindaca. Ma condannarla è un errore gravissimo

Chiara Appendino, pessima sindaca. Ma condannarla è un errore gravissimo

Premessa: io non stimo per nulla Chiara Appendino. Trovo che sia una delle espressioni peggiori della politica nuova targata Movimento 5 Stelle. Deludente. Anche perché prometteva di essere – delle due (l’altra è Virginia Raggi) – quella brava, studiosa, intelligente. Beppe Sala in un primo tempo aveva provato a ragionarci, con Chiara Appendino. Eppure. Eppure niente, perché quanto a incapacità siamo forse all’apice della pseudopolitica manettara, forcaiola, inconcludente e contro tutte le opere possibili e immaginabili. Fin qui, il giudizio politico. Ma proprio perché da queste parti c’è rispetto per l’attività amministrativa. Proprio perché da queste parti siamo garantisti. Ecco, proprio per questo non mi fa per niente sorridere (anche se il contrappasso è degno di Dante) la condanna a carico di Chiara Appendino per i fatti del 3 giugno 2017.

C’è la finale di Juve-Real, e la Appendino fa proiettare la partita in piazza San Carlo. A un certo punto si scatena il panico e 3 persone rimangono uccise e 1500 ferite. Secondo il tribunale Appendino avrebbe dovuto prevedere che sarebbe potuto succedere, ed è stata condannata a 18 mesi. Ora, dopo questa condanna, nessun sindaco in Italia dovrebbe legittimamente proiettare niente in piazza, nessuna manifestazione, nessuna processione. Perché il rischio che avvenga quanto avvenuto a Torino c’è sempre. E mentre un sindaco deve valutare i rischi oggettivi derivanti da una decisione politica, vorrei proprio capire come fa a mettersi al riparo da una situazione del genere.

Troppi rischi per i sindaci

Forse che il sindaco deve mettersi a controllare una a una le persone che vanno in piazza, e che tutti i vigili facciano il loro lavoro, e che ci siano i cessi chimici, e che nessuno butti una bottiglia per terra? Certo, in un mondo manettaro, quella di Chiara Appendino è una condanna giusta. Ma visto che io aborrisco una roba del genere, solidarietà a Chiara Appendino. E massima solidarietà ai sindaci, pseudomartiri e mezzi santi. Non è un caso che anche a Milano una volta si prendessero a botte per fare il candidato sindaco e adesso quasi bisogna dire grazie a chi ci sta.

(Foto da Facebook)

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Allegri in pole per la panchina del Real (e Zidane alla Juve?)

L'ex tecnico di Milan e Juventus se la gioca con la bandiera di Madrid Raul Gonzalez Blanco. E intanto Allegri studia lo spagnolo con la compagna Ambra Angiolini

Salute Berlusconi, gli effetti del “long Covid”: ecco come sta

Girano voci contrastanti riguardo la salute di Berlusconi: il Presidente di Forza Italia è stato di nuovo ricoverato in ospedale per qualche...

Il giudice del “caso Salvini” che manda in tilt buonisti, sovranisti e pasdaran del lockdown

Nunzio Sarpietro assolve Salvini dal sequestro di persona per nave Gregoretti. Il leader della Lega esulta: “Un giudice che studia”. Ma è lo stesso che ha tolto l'associazione a delinquere alla ong Proactiva Open Arms ed è stato beccato a pranzo al ristorante durante il lockdown

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Il giudice del “caso Salvini” che manda in tilt buonisti, sovranisti e pasdaran del lockdown

Nunzio Sarpietro assolve Salvini dal sequestro di persona per nave Gregoretti. Il leader della Lega esulta: “Un giudice che studia”. Ma è lo stesso che ha tolto l'associazione a delinquere alla ong Proactiva Open Arms ed è stato beccato a pranzo al ristorante durante il lockdown

Angelo D’Orsi: “La mia Torino contro i poteri forti, basta eventi e grandi opere. Ricuciamo le periferie con la cultura”

Lo storico Angelo D’Orsi, sostenuto dalla sinistra radicale, si candida alla guida di Torino per "scardinare i poteri forti". L'obiettivo? "Vincere"

Dal barboncino di Pertini al bracco di Draghi. Ecco i cani dei potenti

Alcuni politici li usano in campagna elettorale, altri nelle questioni diplomatiche. Il semplice fatto che un leader politico venga ritratto insieme al proprio animale domestico trasmette una sensazione di vicinanza e umanità.

La sanità dei Cinque Stelle? È il “modello Veneto” (ma per la Lombardia)

Proposte di riforma della sanità lombarda? C'è anche quella che i grillini hanno chiamato “ATS Lombardia”, che di fatto ricalca quanto già esiste oggi in Veneto con l'Azienda Zero

Recovery Plan a Milano? Salta riapertura dei Navigli, soldi a trasporti e quartieri popolari

Nella lista delle opere per il Recovery Plan a Milano i soldi per riaprire i Navigli non ci sono. L'elenco aggiornato al 10 maggio 2021, consultato da True-News, punta le proprie fiches su trasporti e qualità dell'abitare