Pharma Sì del Ministero al vaccino AstraZeneca per over 55: "Nuove evidenze" (SCARICA)

Sì del Ministero al vaccino AstraZeneca per over 55: “Nuove evidenze” (SCARICA)

di Francesco Floris

Il Ministero della Salute dà l’ok al vaccino AstraZeneca anche per i soggetti over 55. Cambio di rotta rispetto alla prima autorizzazione dell’Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa) – che recepiva le indicazioni dell’Ema, l’authority europea – le quali sconsigliavano il vaccino anglo-svedese su individui over 55 (e Under 18) a causa della scarsa rappresentatività del campione di soggetti più anziani nei test clinici realizzati da AstraZeneca in tutto il mondo e presentati in fase di autorizzazione.

Ora invece “nuove evidenze scientifiche – si legge nella circolare odierna del Ministero della Salute che annuncia le novità – riportano stime di efficacia del vaccino superiori a quelle precedentemente riportate, e dati di immunogenicità in soggetti di età superiore ai 55 anni, nonché nuove raccomandazioni internazionali tra cui il parere del gruppo SAGE dell’OMS”. Tra queste il fatto che il vaccino Covid-19di AstraZeneca “può essere offerto fino ai 65 anni compresi i soggetti con condizioni che possono aumentare il rischio di sviluppare forme severe di Covid-19 senza quella connotazione di gravità riportata per le persone definite estremamente vulnerabili” scrive Giovanni Rezza, il dirigente a capo della struttura DG Prevenzione Sanitaria.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

FraFloris
FraFloris
Nato nel 1989, trentino, milanese d'adozione,. Giornalista freelance. Collaboratore di True-News, Fatto Quotidiano, Affaritaliani.it Milano, Linkiesta, Gli Stati Generali, Vice, Il Dubbio, Redattore sociale. Per segnalazioni scrivimi a frafloris89@gmail.com

Più articoli dello stesso autore

Il ministro vuole la DAD per sempre? No, grazie

Mentre il nuovo ministro dell'istruzione Bianchi pensa al futuro della DAD, le scuole vanno avanti (e pure i vaccini)

Denuncia caso Covid, l’azienda lo licenzia. La Uil contro il colosso dei cereali

Il caso alla Lameri spa di Cremona contro il Responsabile sicurezza dei lavoratori. Accusato di non aver rispettato i protocolli. Michele Saleri, segretario Uil: "Azione ritorsiva, i lavoratori avranno paura a parlare". L'avvocato annuncia ricorso

La Lega punta sui giovani per contrastare Beppe Sala

Le proposte degli under 30 del Carroccio: metro aperta 24 ore su 24 il venerdì e il sabato, attenzione alla sicurezza e agli orari delle biblioteche

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Vaccini, mancano infermieri? Cgil alle Regioni: “Spendere ora i 100 mln in Finanziaria”

Giancarlo Go della Cgil FP: "Basta demagogia sulle spalle dei lavoratori del Ssn. I soldi sono in Finanziaria, le Regioni li usino". Per il sindacato così si trovano 600 medici e 2mila infermieri per la campagna vaccinale

Isf. Vaccino? È il caos (e regna l’anarchia regionale)

Per gli informatori scientifici del farmaco la vaccinazione procede a singhiozzo. La Lombardia si è attivata, altre sono ancora in alto mare