Pharma In Italia 4119 “farmacie rurali”: nel Recovery 72mila € di investimenti ciascuna

In Italia 4119 “farmacie rurali”: nel Recovery 72mila € di investimenti ciascuna

Settantaduemila euro di “investimenti in media per ogni farmacia”: 48mila dalla “contribuzione pubblica” e altri 24mila dal privato con un sistema di cofinanziamento. In totale 100 milioni di euro di risorse pubbliche che potrebbero diventare 150 milioni con il contributo privato. Da destinare a 4119 “farmacie rurali” che “operano nei comuni italiani con meno di 3mila abitanti” a cui nel tempo sono stati tagliati i sussidi regionali a causa della riduzione del bacino d’utenza.

Lo si legge negli allegati in inglese al Recovery Plan italiano inviato dal governo Draghi a Bruxelles e in queste settimane al vaglio delle autorità europee. È la documentazione, molto più ricca della versione sintetica in italiano pubblicata sul sito della Presidenza del Consiglio, dove alcune delle misure del Pnrr vengono meglio dettagliate. È il capitolo dedicato alle “Strutture sanitarie di prossimità territoriale”. Si legge che il governo stanzierà 100 milioni di euro di risorse per le farmacie collocate nelle aree più remote e rurali del Paesi. Dove complessivamente abitano circa 5 milioni di italiani. Una misura che risponde alla logica di rafforzare i primi presidi sanitari territoriali e di valorizzare la funzione sociale delle farmacie che servono una piccola comunità. “Ci attendiamo – scrive il governo – che quasi la metà delle farmacie rurali nei comuni con meno di 3mila abitanti possa beneficiare di questo intervento, con un investimento medio per farmacia pari a 72mila euro”.

Una gara per selezionare le “farmacie rurali”

Nel dettaglio il Piano del governo prevede che queste farmacie possano rafforzare il loro ruolo su alcuni aspetti: partecipando ai servizi domiciliari di assistenza; fornire prestazioni di secondo livello, in coerenza con il percorso diagnostico-terapeutico per alcune patologie specifiche; monitorare il paziente con la cartella clinica elettronica. Alcuni degli obiettivi principali sono, oltre a rafforzare un network capillare di presidi territoriali, quelli di “decongestionare gli ospedali con particolare riguardo all’emergenza”, facilitare “l’accesso al servizio sanitario nazionale e ai farmaci”. Le misure saranno implementate dall’Agenzia per la coesione territoriale che lancerà nel quarto trimestre 2021 una gara di selezione fra le farmacie site in comuni con meno di 3mila abitanti. L’obiettivo è raggiungere da subito almeno 500 di queste farmacie per arrivare sul medio lungo-periodo ad almeno 2mila.

Recovery, perché l’investimento sulle “farmacie rurali”

Gli investimenti necessari per un adeguamento sono stati scorporati per singole voci e capitoli di spesa, in una tabella allegata alla documentazione, e stimati sulla base dei costi di mercato standard riportati da Federfarma – la Federazione nazionale dei titolari di farmacie – in funzione dell’ammontare medio dei ricavi annuali. Le farmacie rurali sono state divise fra quelle che fatturano meno di 600mila euro l’anno o più di 600mila euro.

Ci sono importanti divari fra le diverse voci che è necessario ammodernare. Quelle numericamente più basse riguardano i servizi tradizionali di una farmacia dove sono previsti 784 euro all’anno di media in investimenti sull’ammodernamento dell’hardware, 1.568 euro per il “training” del proprio staff, 1.800 euro sui software. Mentre invece le voci a farla da padrone riguardano proprio l’evoluzione della farmacia verso qualcosa di diverso rispetto al passato: l’affitto di device (11mila euro), la realizzazione di postazioni per la presa in carico dei pazienti (18mila euro), la riorganizzazione dell’area erogazione farmaci (23mila euro) e la fornitura di servizi diagnostici (16mila euro).

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Francesco Floris
Francesco Floris
Nato nel 1989, trentino, milanese d'adozione,. Giornalista freelance. Collaboratore di True-News, Fatto Quotidiano, Affaritaliani.it Milano, Linkiesta, Gli Stati Generali, Vice, Il Dubbio, Redattore sociale. Per segnalazioni scrivimi a francesco.floris@true-news.it o frafloris89@gmail.com

Più articoli dello stesso autore

Terrorismo islamico, che fine ha fatto? “Tagli alla Difesa per investimenti in Sanità, è a rischio la sicurezza”

Terrorismo in Italia, quanti soldi investe lo Stato per contrastare la minaccia terroristica? Sempre di meno

Cr7 dice no alla Coca Cola, ma si presta alle pubblicità per il poker online e il pollo fritto

Cristiano Ronaldo, detto cr7, vuole riciclarsi salutista. Alla Coca Cola dice no, ma il pollo fritto e il poker online?

Green pass: come ottenerlo e quando, in quali occasioni è obbligatorio – LA GUIDA

I vacanzieri italiani stanno scaldando i motori. C’è chi è già in villeggiatura, ma molti si stanno preparando per godersi quest’estate, dopo...

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Rete Cure Palliative? “Fondamentale in pandemia. Ora costruiamo una nuova terapia del dolore partendo dalla formazione”

Terapia del dolore, in Lombardia ci sono 73 Hospice e oltre 130 Enti accreditati per l'erogazione delle cure palliative domiciliari. Venti anni fa? Erano cinque in tutta Italia. Ne parla il dottor Furio Zucco

Alzheimer. Alessandro Padovani: “FDA ha mandato un messaggio, in Italia la ricerca è vittima del pregiudizio”

Ricerca sull'Alzheimer? “Il dispositivo della Food and Drugs Administration americana indica una direzione”. Non usa mezze parole il professor Alessandro Padovani, ordinario di Neurologia all'Università degli Studi di Brescia

Salute mentale, dipendenze e adolescenti. Tiziana Mele: “Sarà la prossima emergenza sanitaria, dobbiamo parlare i linguaggi dei ragazzi”

Curare una dipendenza implica anche curare la mente? O viceversa? Sono domande legittime, specie dopo il Coronavirus

Raccomandazioni per la somministrazione di ferro IV: AIFA chiarisce la sua posizione e semplifica la vita ai pazienti

Il chiarimento dell'AIFA rende possibile l'uso di terapie a base di ferro IV in diversi contesti assistenziali senza la presenza di reparti di rianimazione a favore soprattutto di alcune categorie di pazienti fragili

Letizia Moratti: “In Lombardia un Centro Nazionale Malattie Infettive, il Governo ci segua”

Un Centro Nazionale per Malattie Infettive in Lombardia. Questa la proposta della vicepresidente della Regione Letizia Moratti