Future L’acqua vale il 17,5% del nostro Pil. E noi la sprechiamo

L’acqua vale il 17,5% del nostro Pil. E noi la sprechiamo

Un settore in continua crescita occupazionale nel periodo 2013-2019. Spesso dimenticato, dato per scontato. O raccontato solo per le sue note inefficienze, specie in alcune zone del Paese.

Il settore idrico è un elemento essenziale per la salute di una popolazione ma nessuno dice mai quanto pesi anche a livello economico. Secondo il Libro Bianco 2021 realizzato da The European House – Ambrosetti (qui il PDF), se si considerasse il ciclo idrico esteso come un unico settore, sarebbe il secondo comparto industriale per crescita occupazionale. Il suo valore è pari al 17,5% del Pil italiano, praticamente il prodotto interno lordo del Sud Africa.

Un paese idrovoro

Eppure, ad oggi, il nostro Paese non sa valorizzarlo né proteggerlo. L’Italia è al diciottesimo posto in Europa dell’indice “Valore Acqua verso lo Sviluppo Sostenibile”, un indicatore utilizzato per capire come la gestione efficiente della risorsa idrica impatti sui 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’Agenda ONU 2030.

Un Paese definito “idrovoro” dall’associazione: al secondo posto nell’Ue per prelievi di acqua ad uso potabile ma anche il primo al mondo per consumi d’acqua minerale in bottiglia. Per dare un’idea: in Italia sono 200 i litri pro capite in bottiglia consumati all’anno; la media europea è di 118 litri. Il tutto, ovviamente, nonostante il fatto che l’acqua dei nostri rubinetti sia la migliore d’Europa.

Rischio desertificazione

Un controsenso che dimostra quanto l’Italia abbia un rapporto rapporto controverso con la risorsa vitale per eccellenza. “Da un punto di vista della sicurezza nazionale, l’acqua costituisce una reale vulnerabilità”, conclude il report. “Il 21% del territorio nazionale è infatti attualmente a rischio di desertificazione con eventi siccitosi sempre più frequenti che stanno colpendo le principali fonti idriche del Paese”.

Le possibili soluzioni

Come risolvere questo problema? Il Libro Bianco ricorda che circa 20 dei miliardi del Recovery Fund verranno investiti in questo settore, ma è necessario spingere l’economia circolare e la captazione delle acque piovane. Infine, si richiede “un aggiornamento delle tariffe per finanziare in modo trasparente gli investimenti sulla rete infrastrutturale idrica”.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Future

Ogni mercoledì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

La svolta del governo Draghi sulle riaperture (e non solo)

Cantieri, scuole, bar e ristoranti aperti: dal 26 aprile cambia tutto. Ecco il cronoprogramma

Albertini tenta i moderati e i Cinque Stelle lo aiutano

Il sindaco di Milano presenta la sua lista con tutti i big e punta alla doppia cifra. Ma non è ancora risolto il nodo Cinque Stelle in coalizione che spaventa moderati e centristi. E se il centrodestra ha Gabriele Albertini...

Cosa perdiamo quando perdiamo le chiacchiere da ufficio

Colleghi distanti che non possono parlare né collaborare. Perché anche perdere tempo può servire in un ufficio

Iscriviti a True Future

Ogni mercoledì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Senza carta né plastica: la supply chain in ginocchio a causa del Covid

Bicchieri per caffè e bibite da asporto. Ma anche contenitori per cibo, sacchetti e salviette. Tutto di carta, come reso necessario dalla...

Quando le pubblicità erano tutte un cat calling

Dal silicone Saratoga all'impegno di Nike e Gilette contro il razzismo e il sessismo. Il business pubblicitario si mangia i diritti civili