Le 10 pagine più pazze di Wikipedia (c’è anche l’umarell)

"Depths of Wikipedia” è uno degli account Instagram, TikTok e Twitter più virali, dedicato alle pagine più curiose dell'enciclopedia online

“Wikipedia is weird!”. Si presenta così “Depths of Wikipedia”, quello che sta diventando uno degli account Instagram, TikTok e Twitter più virali del web (ma c’è anche una newsletter per gli approfondimenti): è una pagina dedicata a mettere in evidenza gli angoli più strani, oscuri e interessanti di Wikipedia in versione inglese, di cui si è occupato anche il New York Times con un articolo dedicato. 

Un’idea nata nell’aprile 2020 da Annie Rauwerda, specializzanda in neuroscienze presso l’Università del Michigan, che da allora ha accumulato oltre 244.000 follower.

Quella di “Depths od Wikipedia” è na community che contribuisce in prima linea a suggerirle le pagine più interessanti da segnalare, come è nello spirito di Wikipedia. Pagine che fanno ridere, pagine che stupiscono, pagine che informano. L’obiettivo non è per forza quello di divertire, ma quello di mettere in luce quanto di più curioso avviene sull’enciclopedia più famosa del mondo. 

L’ideatrice di “Depths of Wikipedia” Annie Rauwerda

Depths of Wikipedia: le pagine più pazze

Per esempio, sapevate che esiste un partito politico svizzero dedito ad opporsi all’uso di PowerPoint? Che alcune persone credano che Avril Lavigne sia morta nel 2003 e sia stata sostituita da un sosia? O che c’è un sasso in un museo di Taiwan che somiglia stranamente a una fetta di carne? E poi, chi non conosce quel pollo che attraversa letteralmente una strada oppure chi non sa che Mitt Romney ha guidato per 12 ore mettendo il suo cane sul tetto dell’auto?

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Wikipedia is weird! (@depthsofwikipedia)

Ma non è finita. Chi ascolterebbe “The most unwanted song“, la canzone composta dagli elementi lirici e musicali più noiosi di sempre? Diventando follower di “Depths of Wikipedia” scoprirete poi chi era il matematico americano Alexander Abian e in che cosa consisteva la sua teoria della Terra senza la Luna, secondo la quale far saltare in aria l’unico satellite naturale del nostro pianeta risolverebbe praticamente ogni problema dell’esistenza umana, eliminando per esempio le stagioni e gli eventi atmosferici violenti come ondate di calore, tempeste di neve e uragani.

Su Wikipedia c’è poi la pagina dedicata alla lista dei giochi a cui Buddha non giocherebbe e quella che racconta la Canal Mania, periodo storico che vide un’intensa attività di costruzione di canali in Inghilterra e Galles tra il 1790 e il 1810. E ancora: la morte durante il sesso consensuale, le forme migliori dei popcorn, il gatto più vecchio del mondo e i diversi tipi di pane a forma di animale.

Nelle pagine più curiose di Wikipedia non poteva mancare, infine, l’umarell, scovato e segnalato da una determinatissima Annie Rauwerda, che ha anche creato una vendita online di gadget legati alla sua bizzarra pagina: “Umarell (Italian pronunciation: [umaˈrɛl]) is a folk term in Bologna referring specifically to men of retirement age who pass the time watching construction sites, especially roadworks — stereotypically with hands clasped behind their back and offering unwanted advice”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Wikipedia is weird! (@depthsofwikipedia)