Future La cuccagna dei crediti ambientali sta finendo?

La cuccagna dei crediti ambientali sta finendo?

La storia sarà nota ai più: Tesla ha fatto moltissimi soldi vendendo alla concorrenza i suoi “crediti verdi”, dei titoli negoziabili con cui le aziende possono compensare le emissioni inquinanti prodotte dai loro modelli a benzina e diesel. Siccome il marchio americano ha un’offerta tutta elettrica, ha anche a disposizione molti crediti, che fanno gola a gruppi meno green, che li comprano per evitare multe salatissime. È il meccanismo che nel 2019 ha spinto la FCA a scendere a patti con Tesla pagando 1,8 miliardi di euro per l’80% dei suoi crediti (che diventeranno il 15% nel 2021). Un affarone ai danni della concorrenza, insomma. Il problema è che la cuccagna sta per finire, e Tesla deve preparare un piano B. Come ha detto un investitore dell’azienda alla CNN: “Questi stanno perdendo soldi vendendo auto. E stanno facendo soldi vendendo crediti. E i crediti stanno per finire.”  

Una tendenza poco piacevole che rischia di togliere parte delle entrate all’azienda di Elon Musk, ora che la concorrenza si è attrezzata ampliando l’offerta di veicoli elettrici e ibridi. Un problema? Forse: l’azienda è una creatura strana il cui futuro corre sul filo dell’incertezza da praticamente sempre, tra alti e bassi. Basti pensare che, dopo anni di crisi e perdite, nel 2020 il titolo è cresciuto del 743%, pur avendo venduto solo mezzo milione di macchine nel corso dell’anno (su una stima totale di 70 milioni di auto vendute). È una questione di tendenze e previsioni, insomma: se, come dice qualcuno, entro cinque anni Tesla dovesse arrivare a vendere 3 o 4 milioni di auto all’anno, allora sarà in grado di reggersi in piedi anche senza i crediti verdi. Altrimenti sarà più dura. Una sola cosa è certa: la storia dei crediti verdi era troppo bella per Tesla perché potesse continuare.

(Foto: Tesla)

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Future

Ogni mercoledì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Il ministro vuole la DAD per sempre? No, grazie

Mentre il nuovo ministro dell'istruzione Bianchi pensa al futuro della DAD, le scuole vanno avanti (e pure i vaccini)

Denuncia caso Covid, l’azienda lo licenzia. La Uil contro il colosso dei cereali

Il caso alla Lameri spa di Cremona contro il Responsabile sicurezza dei lavoratori. Accusato di non aver rispettato i protocolli. Michele Saleri, segretario Uil: "Azione ritorsiva, i lavoratori avranno paura a parlare". L'avvocato annuncia ricorso

La Lega punta sui giovani per contrastare Beppe Sala

Le proposte degli under 30 del Carroccio: metro aperta 24 ore su 24 il venerdì e il sabato, attenzione alla sicurezza e agli orari delle biblioteche

Iscriviti a True Future

Ogni mercoledì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Gli hamburger “finti” di Beyond Meat si alleano con Mcdonald’s e Taco Bell

Le catene di fast food americane aprono la porta agli hamburger ottenuti da fibre vegetali: è la svolta per il settore?

Il Superbonus 110% è una giungla burocratica

Limiti, controlli, cavilli: la norma del Decreto Rilancio doveva rilanciare l'edilizia ma ha creato tanta confusione (e incertezza)