Live

Educazione 2030: cinque scenari per il futuro della formazione e del talento

L'educazione nel 2030? La domanda di istruzione toccherà i 10 trilioni di dollari: 5 scenari per il futuro dell'apprendimento e del talento

Il mercato dell’istruzione globale è destinato a raggiungere almeno i 10 trilioni di dollari entro il 2030, come conseguenza della crescita della popolazione nei mercati in via di sviluppo. Nelle economie sviluppate la tecnologia guiderà la riqualificazione e il miglioramento delle competenze. Il prossimo decennio vedrà ulteriori 350 milioni di diplomati post-secondari e quasi 800 milioni di diplomati K12  (l’educazione pubblica durante gli anni che precedono l’università) in più rispetto a oggi.

Asia e Africa sono la forza trainante dell’espansione. Il mondo avrà bisogno in media di ulteriori 1,5 milioni di insegnanti all’anno, per un totale di 100 milioni. Una sfida senza precedenti per l’istruzione in tutto il mondo. A tratteggiare il futuro dell’educazione nel 2030 è la piattaforma globale HolonIQ in uno studio realizzato con Quid (qui il report completo): cinque in particolare gli scenari possibili, basati su come diverse combinazioni di fattori chiave che possono influenzare l’istruzione e l’apprendimento in futuro.

Istruzione “come al solito”

Primo scenario. Nel 2030 l’economia mondiale mostra una crescita costante, dopo un periodo di rallentamento della produttività nei dieci anni precedenti. Le tendenze demografiche nelle economie sviluppate hanno smorzato l’offerta di lavoro, tuttavia nuove coorti di lavoratori più istruiti provenienti dai paesi in via di sviluppo sono entrate nella forza lavoro globale e stanno contribuendo a migliorare la produttività e l’uguaglianza del reddito globale.

Le istituzioni educative tradizionali rimangono la fonte più affidabile di apprendimento e il veicolo più efficace per l’occupazione e la prosperità. Tuttavia, la cronica carenza di competenze nelle economie avanzate a causa del cambiamento demografico, dell’automazione e delle mutevoli esigenze dell’industria, che richiedono la riqualificazione di un vasto numero di lavoratori sfollati, esercita un’enorme pressione sulle istituzioni tradizionali, la maggior parte delle quali non è strutturata né in grado di soddisfare queste esigenze alla scala, alla velocità e nel modo che gli studenti si aspettano.

Ascesa regionale

Secondo scenario. Nel 2030 le economie mondiali sono diventate sempre più integrate lungo linee regionali. Significativi cambiamenti demografici nel decennio precedente hanno avuto un impatto diverso su paesi e regioni, con le nazioni sviluppate sfidate da una forza lavoro che invecchia e una crescita economica rallentata, mentre i paesi in via di sviluppo, che costituiscono la maggior parte della popolazione attiva mondiale nel 2030, devono consentire istruzione e posti di lavoro per le loro popolazioni in rapida crescita.

La cooperazione regionale fornisce un modo per sostenere l’economia, raggiungere efficienze, alleviare l’insufficienza o l’eccesso di offerta di capitale umano, che è diventato un asset strategico fondamentale del ventunesimo secolo, pur mantenendo identità culturali e nazionali uniche. Le alleanze regionali dominano il competitivo panorama dell’istruzione, supportate dalla cooperazione strategica e politica. I centri di talento regionali incrociano l’offerta e la domanda di lavoro per rafforzare le regioni.

Giganti del mondo

Terzo scenario. La globalizzazione ha unito il mondo nel 2030, attraverso l’integrazione del commercio internazionale, della tecnologia, degli investimenti e del capitale umano. Gli accordi multilaterali e le politiche di libero mercato hanno rimosso le barriere al commercio internazionale e un ambiente geopolitico stabile favorisce la concorrenza e la crescita globali. Grazie alla tecnologia, c’è un’interconnessione senza precedenti tra le popolazioni, che favorisce lo scambio di idee e valori tra le culture.

L’attività politica è aumentata a livello globale poiché le organizzazioni intergovernative svolgono un ruolo maggiore nella definizione del diritto internazionale, della sicurezza, del commercio e del commercio. Nel campo dell’educazione c’è il sostanziale consolidamento dei soggetti che forniscono un’educazione post secondaria e l’emergere di agenzie educative leader globali, pubbliche e private, che mettono ulteriore pressione sulle istituzioni locali.

Peer to peer

Secondo il quarto scenario, nel 2030 l’economia globale “peer-to-peer” è diventata mainstream ed è ora un modo diffuso di vivere, lavorare, imparare e guadagnare. Alimentato dal calo dei costi di transazione e dalla connettività onnipresente, lo scambio peer to peer di beni e servizi ha comportato la disintermediazione dell'”istituzione” nella maggior parte dei settori. Le regole che disciplinano la “vecchia economia” in cui l’efficienza è stata ottenuta attraverso la standardizzazione e le economie di scala non si applicano più. La fiducia dei consumatori nelle principali istituzioni è bassa e la rete decentralizzata si basa su fiducia e affidabilità. Questo “spostamento di potere” da modelli centralizzati a modelli distribuiti è sostenuto da una tecnologia che supporta transazioni end-to-end basate sulla fiducia e cambiamenti nel ruolo dei cittadini dai consumatori, ai produttori e ai creatori. La formazione online attraverso un’esperienza personalizzata domina l’istruzione post secondaria e l’acquisizione delle competenze. Le tecnologie legate alla blockchain liberano la creatività collettiva e l’interconnessione degli insegnanti.

Rivoluzione robot

Quinto ed ultimo scenario. Il progresso e le applicazioni dell’intelligenza artificiale hanno portato vantaggi economici significativi alla maggior parte dei paesi del mondo entro il 2030. Poiché gli input di lavoro sono rallentati nelle economie avanzate, l’importanza della produttività nel guidare la crescita complessiva è ora fondamentale. I paesi con competenze e carenza di manodopera hanno implementato le tecnologie di intelligenza artificiale in profondità in molti settori, automatizzando le attività di routine e liberando il capitale umano per attività a maggior valore aggiunto. I conseguenti guadagni di produttività dall’automazione dei processi, una forza lavoro potenziata dall’intelligenza artificiale e l’aumento della domanda dei consumatori per prodotti e servizi potenziati dall’intelligenza artificiale hanno contribuito con migliaia di miliardi di dollari all’economia globale. L’Intelligenza Artificiale domina la formazione, con tutor e insegnanti virtuali che fanno lezione, assegnano e correggono i compiti, aggiustano il percorso didattico a seconda delle esigenze.