Future La censura dei giganti dello streaming

La censura dei giganti dello streaming

Il fenomeno della media conglomeration implica che una manciata di gigantesche corporation controllino i principali servizi di streaming, per esempio, creando un settore popolato da pochi colossi globali – Netflix, Amazon Prime Video, Apple TV, HBO Max (di WarnerMedia, acquisita nel 2018 da AT&T) – e una galassia periferica di realtà minori. Un trend che ha ripercussioni anche culturali, se non geopolitiche: il fatto che ciascuno di questi player abbia interessi in decine, se non centinaia di Paesi, infatti, sta riportando al centro del dibattito il potere censoreo di queste piattaforme.

Qualche settimana fa si è saputo che Apple TV stava sviluppando una serie su Gawker (controverso sito di gossip e attualità americano chiuso nel 2016), fino a quando il CEO Tim Cook non lo ha saputo, e ha dato ordine di bloccare l’operazione. Motivo? Fu proprio Gawker a fare il suo outing, rivelando al mondo che il boss della Mela era gay. La notizia ha portato alla luce una serie di argomenti che Cupertino non è disposta a trattare nelle serie prodotte dal suo servizio di streaming, alcuni dei quali hanno un enorme peso politico: “Le due cose che non tratteremo mai sono il nudo e la Cina”, ha detto un executive dell’azienda ha detto al New York Times.

Un altro esempio riguarda Netflix, che nel 2018 ha pubblicato il documentario Icarus di Bryan Fogel sullo scandalo del doping in Russia, che contribuì a bandirne la squadra dalle Olimpiadi invernali di quell’anno. Il suo nuovo lavoro, The Dissident, tratta invece dell’assassinio del giornalista del Washington Post Jamal Khashoggi, e il ruolo giocato nella sua morte dal principe saudita Mohammed bin Salman. Nonostante il potenziale del film, il titolo ha fatto molta difficoltà a trovare una piattaforma disposta a “rischiare” tanto pubblicandolo, e sarà disponibile in modalità video-on-demand (e in qualche cinema negli USA). “Queste aziende non pensano più cosa andrà bene con il pubblico americano” detto Fogel. “Si chiedono cosa succederà quando faremo uscire questo film in Egitto? E in Cina, Russia, Pakistan, India?”

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Future

Ogni mercoledì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Covid e patologie cardiovascolari. Battistina Castiglioni ne parla a The True Show

Come ha reagito la rete cardiologica alla pandemia Covid? La dottoressa Castiglioni, consigliere nazionale GISE, a The True Show

Anemia falciforme, gli esperti a confronto

Tremila casi in Italia ma è la punta dell'iceberg: la dottoressa Erica Daina e la professoressa Maria Domenica Cappellini spiegano cosa serve dal lato terapie e organizzazione contro la malattia rara causata da una mutazione genetica ereditaria

Rsa, il piano Regione-Finlombarda contro la crisi delle strutture

Fino a tre milioni di euro di garanzie da Regione Lombardia. Dentro al piano da 30 milioni di euro gestito da Finlombarda spa – il braccio finanziario della Regione – che in qualità di intermediario finanziario assicurerà il “sostegno del fabbisogno di liquidità” alle Residenza Sanitarie Assistenziali (Rsa) no-profit accreditate con il sistema sanitario regionale

Iscriviti a True Future

Ogni mercoledì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Perché Gucci investe nell’agricoltura rigenerativa?

E non solo: anche Timberland e Patagonia puntano sempre più sul settore

Fatturato in calo 5,4%: il peso economico del cambiamento climatico

Ogni grado in più ci costa una fortuna, secondo il Politecnico

Come Nick Clegg è diventato il Ministro degli Esteri di Facebook

Questa settimana si è parlato tanto di Oversight Board, da qualcuno definita “la Corte Suprema di Facebook”. Le somiglianze tra il gigante...

Piantare alberi è solo l’inizio. Anche se sono 60 milioni

La Fondazione Alberitalia vuole riempire il Paese di verde, e ha un piano

Trump vuole tornare online, i social preferiscono di no

Facebook conferma il bando mentre Trump si fa un Twitter personale