Future Com’è sporca la green economy

Com’è sporca la green economy

Si fa presto a dire che l’elettrificazione è la risposta ai nostri problemi. La realtà è più complicata e, purtroppo, un po’ meno green di quello che viene spesso raccontato. In un mondo ideale, infatti, potremmo ricavare buona parte della nostra energia da fonti come il vento e il sole, ma rimarrebbe un punto cruciale: i motori e le batterie, che necessitano di materiali e risorse la cui raccolta e distribuzione è ancora molto problematica. Una recente indagine del Guardian ha messo in fila i principali nodi ambientalisti ed etici della “green economy”, disegnando un quadro piuttosto sconfortante: partiamo dal cobalto, elemento essenziale per la produzione delle batterie elettriche, e dalla Repubblica del Congo, Paese africano dove si trova il 60% dei giacimenti globali della risorsa. E dove migliaia di bambini e ragazzine lavorano come minatori, estraendo cobalto e respirando la polvere tossica che produce, avventurandosi in cunicoli e tunnel pronti al collasso. Un vero buco nero dei diritti dell’uomo, su cui si basa il nostro futuro “pulito”. Non va meglio con il litio, la cui estrazione sta sconvolgendo gli ambienti del “Triangolo del Litio del Sud America”, composto da Cile, Argentina e Bolivia. Per estrarlo, si pompa acqua da falde sotterranee, causando smottamenti e il fenomeno della subsidenza (l’abbassamento del terreno), oltre che accelerando il processo di desertificazione. Infine, il rame, che troviamo in quantità tre volte superiori nelle macchine elettriche rispetto a quelle tradizionali. Risultato? L’interesse globale nei confronti della risorsa – già oggi piuttosto ricercata – è destinato ad “aumentare del 300% entro il 2050”.
(Foto: Coordenação-Geral de Observação da Terra/INPE – Wikimedia)

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Future

Ogni mercoledì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Covid e patologie cardiovascolari. Battistina Castiglioni ne parla a The True Show

Come ha reagito la rete cardiologica alla pandemia Covid? La dottoressa Castiglioni, consigliere nazionale GISE, a The True Show

Anemia falciforme, gli esperti a confronto

Tremila casi in Italia ma è la punta dell'iceberg: la dottoressa Erica Daina e la professoressa Maria Domenica Cappellini spiegano cosa serve dal lato terapie e organizzazione contro la malattia rara causata da una mutazione genetica ereditaria

Rsa, il piano Regione-Finlombarda contro la crisi delle strutture

Fino a tre milioni di euro di garanzie da Regione Lombardia. Dentro al piano da 30 milioni di euro gestito da Finlombarda spa – il braccio finanziario della Regione – che in qualità di intermediario finanziario assicurerà il “sostegno del fabbisogno di liquidità” alle Residenza Sanitarie Assistenziali (Rsa) no-profit accreditate con il sistema sanitario regionale

Iscriviti a True Future

Ogni mercoledì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Perché Gucci investe nell’agricoltura rigenerativa?

E non solo: anche Timberland e Patagonia puntano sempre più sul settore

Fatturato in calo 5,4%: il peso economico del cambiamento climatico

Ogni grado in più ci costa una fortuna, secondo il Politecnico

Come Nick Clegg è diventato il Ministro degli Esteri di Facebook

Questa settimana si è parlato tanto di Oversight Board, da qualcuno definita “la Corte Suprema di Facebook”. Le somiglianze tra il gigante...

Piantare alberi è solo l’inizio. Anche se sono 60 milioni

La Fondazione Alberitalia vuole riempire il Paese di verde, e ha un piano

Trump vuole tornare online, i social preferiscono di no

Facebook conferma il bando mentre Trump si fa un Twitter personale