Future Gli hamburger "finti" di Beyond Meat si alleano con Mcdonald's e Taco...

Gli hamburger “finti” di Beyond Meat si alleano con Mcdonald’s e Taco Bell

Prosegue l’epopea della cosiddetta carne “plant-based”, quegli alimenti che hanno gusto e consistenza simile alla carne ma sono stati ottenuti da fibre vegetali. Tra i giganti del settore c’è Beyond Burger, startup americana che ha appena firmato un accordo strategico con McDonald’s e il gruppo Yum! Brands, che include giganti come KFC, Pizza Hut e Taco Bell. Grazie a questa alleanza, Beyond sarà per i prossimi tre anni “il fornitore preferenziale” dei prodotti di questo tipo, che a partire dal McPlant di McDonald’s sono ormai parte dell’offerta dei fast food americani.

Un accordo importante, secondo il Good Food Institute, secondo cui dimostra che “il futuro della carne sarà a base vegetale”. In effetti, il fatto che un brand nuovo e ritenuto fino a pochi anni fa futuristico abbia messo un piede nei fast food più “istituzionali” è un’ottima notizia, anche perché può contribuire a ridurre il consumo di carne nel mercato più di massa – dove l’impatto del plant-based può farsi più sentire.

Quanto a Beyond Burger, la società californiana è stata fondata nel 2009 e ha ricevuto investimenti da Bill Gates e gruppi del settore alimentare come Tyson Foods. Lo scorso anno aveva già stretto un’alleanza con la divisione cinese di Yum per un’offerta sperimentale di prodotti plant-based, e anche con Starbucks China, che sta promuovendo prodotti simili, sempre in Cina.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Future

Ogni mercoledì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Lombardia, l’economia reagisce alla crisi. Ma teme l’incognita Superbonus 110%

E’ presto per dire che il paese ha voltato pagina. Certo è che la Lombardia sta rispondendo meglio. Se servizi, ristorazione e turismo vanno male, l'industria reagisce

Web tax, si parte. Dal rapporto con Usa ai paradisi fiscali, ecco i nodi da sciogliere

L’anno in corso segna una svolta importante per la tassazione dell’economia digitale, essendo prevista la prima effettiva applicazione della web tax italiana. Non mancano, tuttavia, questioni ancora da chiarire, soprattutto in riferimento ai rapporti, particolarmente critici, con l’amministrazione statunitense. A ciò si aggiunge l’assenza di un coordinamento a livello internazionale dovuta all’attuale emergenza da COVID-19

Make America Work Again. Il piano shock di Biden sul lavoro in Usa

Sleepy Joe ha deciso di scommettere il tutto per tutto nei suoi primi 100 giorni: l' American Jobs Plan è il secondo colpo che l’amministrazione ha sparato nel giro di due mesi

Iscriviti a True Future

Ogni mercoledì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Perché Gucci investe nell’agricoltura rigenerativa?

E non solo: anche Timberland e Patagonia puntano sempre più sul settore

Fatturato in calo 5,4%: il peso economico del cambiamento climatico

Ogni grado in più ci costa una fortuna, secondo il Politecnico

Come Nick Clegg è diventato il Ministro degli Esteri di Facebook

Questa settimana si è parlato tanto di Oversight Board, da qualcuno definita “la Corte Suprema di Facebook”. Le somiglianze tra il gigante...

Piantare alberi è solo l’inizio. Anche se sono 60 milioni

La Fondazione Alberitalia vuole riempire il Paese di verde, e ha un piano

Trump vuole tornare online, i social preferiscono di no

Facebook conferma il bando mentre Trump si fa un Twitter personale