Live

Cosa sappiamo della realtà aumentata di Apple

Un paio d'occhiali o un visore più costoso? Indiscrezioni e brevetti ci dicono qualcosa di più sulla AR di Apple.

Con Apple è sempre così: ogni nuovo prodotto è anticipato da rumors, indiscrezioni, invenzioni e qualche rara previsione azzeccata. Quel che sappiamo in questo caso è che Cupertino sta preparando un dispositivo per la realtà aumentata. Nulla di più. Un visore, molto probabilmente, un paio d’occhiali speciali con cui l’utente potrà guardare il mondo con “aggiunte” virtuali. A differenza della realtà virtuale, infatti, quella aumentata (AR) non crea un mondo totale ex novo ma si limita ad arricchirlo digitalmente – aumentarlo, appunto.

Per capirci qualcosa dei nuovi gadget Apple si è quindi costretti a studiare i brevetti registrati ufficialmente dall’azienda, che sono continuamente scrutati dai giornalisti di mezzo mondo. Uno di questi brevetti sembra contenere qualche indescrizione importante, specie per quanto riguarda le interazioni con la AR. A quanto pare ci saranno input tattili e ottici, che l’azienda ha già usato in vari prodotti, dai trackpad dei Mac al riconoscimento facciale degli iPhone. Un altro brevetto riguarda qualcosa chiamato “Virtual Paper”, con cui una superficie può essere piegata e mossa dall’utente, sempre in AR. 

Nel frattempo sul sito di Apple è già presente una pagina dedicata alla tecnologia, con consigli su dispotivi e app per sperimentarla. Secondo alcune indiscrezioni, i visori si chiameranno Apple Glass e saranno presentati entro questo mese in un evento ufficiale. Anche se c’è chi sostiene che prima degli occhiali per la AR, Apple farà uscire un dispositivo più costoso, pensato per un uso casalingo.