Live

Vaccini terza dose: dal Governo il via libera per anziani e fragili

Per i vaccini terza dose, il governo ha dato il via libera con una circolare attraverso il ministro Speranza. I primi sono anziani e fragili.

Vaccini terza dose: il Governo ha dato il via libera con una circolare diramata nella serata dell’8 ottobre dal ministero guidato da Roberto Speranza. Terza dose per anziani e soggetti fragili.

Vaccini terza dose: dal Governo il via libera

In realtà da lunedì 20 settembre è partita la compagna della terza dose del vaccino. Il Governo attraverso il Ministro Speranza nella serata dell’8 ottobre ha diramato una circolare per dare il via livera alla terza dose.

La somministrazione della terza dose sarà per gli over 60 e i fragili di ogni età. L’inoculazione dovrà avvenire, come da indicazioni dell’Ema, almeno sei mesi dopo il completamento del ciclo primario di vaccinazione.

LEGGI ANCHE Covid, terza dose di vaccino: come prenotarsi regione per regione

Terza dose: non servirà per tutti

“Il quadro è quello di una circolazione i fase decrescente in tutte le regioni. Un dato fondamentale perché ci permette di tenere sotto controllo la capacità di tracciamento”. Sono notizie incoraggianti e positive quelle riportate dal presidente dell’Istituto superiore di sanità Silvio Brusaferro in riferimento al monitoraggio settimanale della situazione Covid in Italia.

“Il continuo decremento riguarda anche la fascia di età inferiore ai 12 anni, approfittiamo di questa decrescita per continuare a vaccinarsi”, ha spiegato Brusaferro.

Il professore Gianni Rezza invece si è espresso in merito alla terza dose: “La buona tendenza è la conseguenza di due fattori: la protezione data dai vaccini e le misure precauzionali di distanziamento ed uso della mascherina in luoghi chiusi, senza dimenticare il Green pass”.

La terza dose, secondo Rezza, non servirà per tutti: “L’orientamento è quello di offrire un richiamo agli over 80, agli ospiti di Rsa e ai sanitari ma non si pensa al momento a un richiamo universale su tutta la popolazione”.

Anche i dati sono incoraggianti: diminuisce l’incidenza settimanale dei casi di Covid su tutto il territorio nazionale. Nello specifico, l’incidenza scende a 34 per 100 mila abitanti (27 settembre – 3 ottobre) contro i 39 per 100 mila della scorsa settimana (20 settembre – 26 settembre).