Tensioni Cina-Giappone per le esercitazioni cinesi nello stretto di Taiwan

Tensioni Cina-Giappone per le esercitazioni cinesi nello stretto di Taiwan: la Cina convoca l'ambasciatore del Giappone

Non solo tensioni tra Cina e Stati Uniti per le esercitazioni cinesi nello stretto di Taiwan, ma anche tensioni tra Cina e Giappone. Tra i due paesi, infatti, è un corso un “botta e risposta” diplomatico derivante dalla visita a Taiwan della speaker della Camera Usa Nancy Pelosi.

Leggi anche: Cina sospende la cooperazione con gli Usa su clima e difesa

Tensioni Cina-Giappone

Nel secondo giorno di esercitazioni cinesi “aerei e navi da guerra” cinesi hanno superato la linea mediana dello stretto che divide l’isola dalla terraferma.

Lo ha fatto sapere il ministero della difesa di Taiwan e tale azione, però, sta creando tensioni anche tra Cina e Giappone. Il primo ministro giapponese Fumio Kishida, infatti, ha chiesto alla Cina “l’immediata cancellazione” delle esercitazioni militari cinesi nello Stretto di Taiwan perchè queste rappresenterebbero un “grave problema per la sicurezza nazionale del Giappone”

La Cina convoca l’ambasciatore giapponese

Per cercare un chiarimento tra i due paesi, quindi, l’ambasciatore giapponese a Pechino, Hideo Tarumi, è stato convocato “con urgenza” al ministero degli Esteri cinese.

Il motivo di questa convocazione, in primo luogo, deriva dal fatto che la Cina ha espresso una forte critica in merito alla posizione del Giappone assunta nel corso del G7 su Taiwan.