Sciopero 21 ottobre 2022 dei mezzi di trasporto: quali sono e in quali orari si fermano

Sciopero 21 ottobre 2022: diverse aziende di trasporto nazionale e locale si fermano in alcune fasce orarie della giornata di venerdì.

Sciopero 21 ottobre 2022 ci sarà uno sciopero di diverse compagnie ed aziende di mezzi di trasporto. Sono previsti disagi per migliaia di viaggiatori che decideranno in alcune fasce orarie di mettersi in viaggio sia con il treno sia con l’aereo.

Sciopero 21 ottobre 2022 dei mezzi di trasporto

Venerdì 21 ottobre sarà una giornata nera per i mezzi di trasporto locali e nazionali. Lo sciopero riguarderà si ai treni che gli aerei.

Purtroppo – si legge in un comunicato congiunto delle tre organizzazioni sindacali Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti – dopo diversi incontri con i vertici di Enav, non sono emersi elementi sufficienti a dare risposte alle numerose problematiche che abbiamo posto ormai da mesi alla dirigenza”.

In particolare, “l’applicazione e l’evoluzione del piano industriale, l’adeguamento degli organici, l’organizzazione dei turni di lavoro, ma soprattutto la definizione di tempistiche e contenuti del rinnovo del contratto, sono tutti elementi importanti che attendono da troppo tempo una risposta.

Per questo motivo porteremo avanti la nostra protesta anche con altre azioni future se si renderanno necessarie”.

Quali sono e in quali orari si fermano

Diversi settori e compagnie sciopereranno nella giornata di venerdì. Usb scioperano dalle 8,30 alle 12,30. In Cotral, invece, lo sciopero sarà per 24 ore. La manifestazione è stata indetta dal sindacato Faisa e Cisal a Roma e provincia. Lo stato di agitazione è fissato, come inizio, alle 00:01 del 21 ottobre.

Dalle 5.30 alle 8.30 il servizio tornerà regolare per le cosiddette fasce di garanzie; nuovi blocchi quindi dalle 8.31 alle 16.59 e poi dalle 20.01 alle 24.00. In mezzo la seconda fascia di garanzia dalle 17.00 alle 20.00. I dipendenti di Trenitalia per otto ore a partire dalle ore 9 di mattina di venerdì 19 ottobre. Gli aerei, invece, si fermano per l’intera giornata.

“A causa di uno sciopero dei controllori di volo di 24 ore a partire dalla mezzanotte di venerdì (21 ottobre), siamo stati costretti, sfortunatamente, a cancellare oltre 600 voli da/per l’Italia – comunica Ryanair – Tutti i 110,000 passeggeri Ryanair interessati sono stati notificati ed informati delle loro opzioni. Ryanair si scusa sinceramente con tutti i passeggeri i cui piani di viaggio sono stati ingiustamente impattati da questo sciopero dei Controllori di Volo Italiani”.

Ita Airways prevede la cancellazione di oltre 200 voli nazionali e internazionali. Qui l’elenco dei voli cancellati.