Roma bus dirottato: aggressione a rapina all’autista Atac

Roma bus dirottato: violenza e follia tra le strade della Capitale ai danni di mezzi ed autista dell'Azienda Atac.

Roma bus dirottato: incredibile cosa è successo tra le strade della Capitale. L’Azienda Atac ha denunciato l’aggressione al proprio autista anche pubblicamente.

Roma bus dirottato: cos’è successo

A Roma, nella giornata dello sciopero dei mezzi di trasporto, un autista della linea 904 è stato vittima di un’aggressione compiuta da quattro malintenzionati.

L’aggressione è avvenuta poco prima delle due del mattino di martedì 29 marzo in zona Selva Candida.

L’autisya era al volante dell’autobus notturno quando, in via di Boccea, sono saliti a bordo 4 giovani stranieri. I ragazzi hanno iniziato a urlare e cercare di danneggiare il mezzo. Poi hanno fatto irruzione nella cabina del conducente e, dopo essersi impossessati dell’estintore in dotazione sul bus lo hanno svuotato sul mezzo e costringendolo poi l’autista a deviare il bus dal suo percorso. Alla fine della follia di questi quattro “balordi”, l’autista è stato anche rapinato di 40 euro.

Aggressione a rapina all’autista Atac

La nota dell’Atac di Roma ha dato la notizia con tutti i dettagli, comunicando anche una seconda aggressione: “In quattro aggrediscono e rapinano autista dopo aver dirottato bus Un autista della linea 904 è stato vittima di un’aggressione compiuta da quattro malintenzionati. Il fatto è accaduto intorno alle due di stanotte, mentre l’autobus percorreva via Boccea. I quattro hanno fatto irruzione nella cabina del conducente e, dopo essersi impossessati dell’estintore in dotazione sul bus, hanno minacciato l’autista costringendolo a deviare il bus dal suo percorso.

Una volta arrivati nella zona di via Selva Nera, l’autista è stato rapinato.
Sulla stessa linea, circa mezz’ora dopo, si è verificata un’altra aggressione al capolinea di Largo Bedeschi. L’aggressore ha prima tentato di forzare la porta del posto guida e poi si è scagliato contro il conducente colpendolo con un pugno. Prima di darsi alla fuga ha mandato in frantumi il vetro della vettura con una pietra.
๐—ฆ๐˜๐—ถ๐—ด๐—บ๐—ฎ๐˜๐—ถ๐˜‡๐˜‡๐—ถ๐—ฎ๐—บ๐—ผ ๐—ณ๐—ฒ๐—ฟ๐—บ๐—ฎ๐—บ๐—ฒ๐—ป๐˜๐—ฒ ๐—น๐—ฒ ๐˜ƒ๐—ถ๐—น๐—ถ ๐—ฎ๐—ด๐—ด๐—ฟ๐—ฒ๐˜€๐˜€๐—ถ๐—ผ๐—ป๐—ถ ๐—ฒ๐—ฑ ๐—ฒ๐˜€๐—ฝ๐—ฟ๐—ถ๐—บ๐—ถ๐—ฎ๐—บ๐—ผ ๐˜๐—ผ๐˜๐—ฎ๐—น๐—ฒ ๐—ฒ ๐—ฝ๐—ถ๐—ฒ๐—ป๐—ฎ ๐˜€๐—ผ๐—น๐—ถ๐—ฑ๐—ฎ๐—ฟ๐—ถ๐—ฒ๐˜๐—ฎฬ€ ๐—ฒ ๐˜ƒ๐—ถ๐—ฐ๐—ถ๐—ป๐—ฎ๐—ป๐˜‡๐—ฎ ๐—ฎ๐—ถ ๐—ฐ๐—ผ๐—น๐—น๐—ฒ๐—ด๐—ต๐—ถ”.