Live

Bari, ragazzo 14 anni morto: si lancia nel vuoto dopo un brutto voto

Bari, ragazzo di 14 anni morto: dopo essere precipitato dalla finestra di una scuola nel barese. Sulla tremenda dinamica indagano i carabinieri.

Bari, ragazzo di 14 anni morto: uno studente è morto dopo essere precipitato dalla finestra della scuola. Ecco cosa è successo

Bari, ragazzo di 14 anni morto: si è lanciato dalla finestra

Uno studente di 14 anni è morto dopo essere precipitato dalla finestra di una scuola a Ruvo di Puglia, nel barese. La tragedia si è consumata nella mattinata del 1 dicembre, al liceo scientifico “Orazio Tedone”, dove l’alunno originario di Corato frequentava il primo anno.

Il giovane è caduto dalla finestra che si trova al primo piano dell’edificio scolastico, morendo nell’impatto. Sul posto, per accertare la dinamica, sono giunti i carabinieri. Gli investigatori non escludono nessuna ipotesi, e considerano l’idea che l’adolescente si sia volontariamente lanciato nel vuoto.

Si lancia nel vuoto dopo un brutto voto

Una tragedia a prescindere dalla causa, perché un ragazzo che muore a 14 anni fa sempre rumore.

I primi riscontri dell’indagini sono lo stesso drammatici: il 14enne, al primo anno di liceo, aveva ricevuto un brutto voto in una materia come il resto della sua classe perché durante una interrogazione a sorpresa si erano dimostrati tutti impreparati. E così, durante l’intervallo tra una lezione e la successiva, mentre in classe non c’erano professori, sarebbe salito sul davanzale della finestra e, dopo qualche istante, si sarebbe lasciato cadere.

Alcuni compagni di classe si sarebbero accorti di quanto stava accadendo – hanno raccontato agli investigatori – e avrebbero tentato di fermarlo e farlo desistere.

La prima ipotesi dunque fa pensare ad un gesto di disperazione dopo il brutto voto.  A quanto si apprende, quando i soccorsi sono arrivati sul posto, il 14enne era già morto, forse deceduto sul colpo.

LEGGI ANCHE: Emergenza suicidi in Università, parlano i genitori di una vittima: “I professori devono fare di più” – Inchiesta