Facts Pietro Genovese, sentenza definitiva: 5 anni e 4 mesi per l'uccisione di...

Pietro Genovese, sentenza definitiva: 5 anni e 4 mesi per l’uccisione di Gaia e Camilla

Arriva in appello la sentenza definitiva per Pietro Genovese, figlio 22enne del noto regista Paolo Genovese, responsabile di aver travolto e ucciso Gaia Von Freymann e Camilla Romagnoli nel dicembre 2019 a corso Francia, a Roma. Era stato condannato in primo grado a 8 anni di carcere. Ora, nel corso del processo d’appello, gli è stata concordata una pena di 5 anni e 4 mesi.

Pietro Genovese: sentenza definitiva, obbligo di dimora

Nel processo di primo grado Pietro Genovese era stato condannato con rito abbreviato (ovvero con sconto di un terzo della pena) a 8 anni di carcere con l’accusa di omicidio stradale plurimo ai danni delle due sedicenni Gaia Von Freymann e Camilla Romagnoli. Il pm Roberto Felici aveva chiesto per lui 5 anni.

Nel corso del processo i legali del ragazzo hanno proposto una condanna di 5 anni e 4 mesi ai giudici della corte d’assise d’appello di Roma, i quali hanno accettato con consenso della procura generale.
I giudici hanno inoltre disposto l’obbligo di dimora a Roma per Genovese, con permanenza al proprio domicilio dalle ore 22 alle 7. La pena diventa, quindi, definiva.

La madre di Camilla, Cristina Maggi, ha commentato così la sentenza: “Abbiamo sempre voluto la verità e quella è rimasta. La colpa è solo del ragazzo, l’entità della pena non ci interessa, riguarda la coscienza dei giudici“.

L’incidente che è costato la vita a Gaia e Camilla

Il tragico incidente in cui hanno perso la vita le due sedicenni è avvenuto a Roma, corso Francia, nella notte tra il 21 e il 22 dicembre 2019. Secondo il Giudice dell’Udienza Preliminare che ha condannato il ragazzo in primo grado, l’incidente è stato causato anche da “una negligente scelta dell’imputato di mettersi alla guida dopo aver fatto uso di alcol, pur sapendo che era obbligato a non bere qualora avesse voluto condurre un’auto, secondo la sua età e per il tempo in cui aveva preso la patente”.

Inoltre, secondo il gup, Gaia e Camilla si trovavano “sulle strisce pedonali” quando hanno tentato di attraversare Corso Francia e quando sono state travolte in pieno dall’auto di Pietro Genovese.

Più articoli dello stesso autore

Olimpiadi, Lorenzo Zazzeri derubato appena rientrato da Tokyo

Lorenzo Zazzeri è stato derubato dei suoi ricordi olimpici ma non della medaglia d'argento vinta a Tokyo 2021. Tornato nella sua Firenze si era recato in piscina a festeggiare, nel frattempo qualcuno gli ha sottratto il borsone con i suoi ricordi dell'esperienza di Tokyo

Inter, Romelu Lukaku al Chelsea? Ecco quanto vale la sua vendita

I conti reali dietro alla cessione da parte dell'Inter di Romelu Lukaku al Chelsea e sulle necessità di fare cassa

Vanessa Ferrari, quale futuro? La ginnasta in bilico tra Parigi 2024 e il ritiro

Il futuro Vanessa Ferrari è ancora in bilico ed incerto. Dopo la medaglia d'argento nel corpo libero alle Olimpiadi di Tokyo ci sarà un tempo di riflessione per l'atleta azzurra.

Notizie Correlate

Olimpiadi, Lorenzo Zazzeri derubato appena rientrato da Tokyo

Lorenzo Zazzeri è stato derubato dei suoi ricordi olimpici ma non della medaglia d'argento vinta a Tokyo 2021. Tornato nella sua Firenze si era recato in piscina a festeggiare, nel frattempo qualcuno gli ha sottratto il borsone con i suoi ricordi dell'esperienza di Tokyo

Ius soli sportivo: cos’è e come funziona lo strumento richiesto dal Coni

Lo Ius soli sportivo prevede la possibilità che giovani stranieri partecipino a competizioni per squadre italiane ma non permette di ottenere la cittadinanza escludendoli dalle convocazioni della Nazionale.