Paola Turci, incidente: come sta dopo la caduta? Le parole della Pascale sui social

Paola Turci, incidente: tanta paura e spavento dopo la caduta e il ricovero in ospedale. Aggiornamenti sui social delle condizioni di salute.

Paola Turci, incidente: dopo la caduta e il ricovero in ospedale, la cantante dovrà stare a riposo per alcuni giorni. Sui social sono arrivati tanti messaggi d’affetto anche dalla Pascale che ha condiviso delle parole d’amore. Anche la Turci ha voluto tranquillizzare tutti con un post su Instagram.

Paola Turci, incidente: come sta dopo la caduta?

Paola Truci dopo una brutta caduta è stata ricoverata in ospedale. La cantante ha riportato un trauma cranico, che la costringerà a letto per diversi giorni.

Lei stessa ha informato sui social delle sue condizioni di salute:  “È stata una brutta caduta, ho riportato un trauma cranico. Sono in ospedale e ne avrò per qualche giorno”. Poi, ha aggiunto: Ora sono un po’ rimba e non riesco a raccontarvi ma lo farò. Mi spiace per il concerto a Forlì ma farò di tutto per recuperarlo, se possibile”.

A causa della caduta, la Turci sarà costretta a rinunciare alla tappa di Forlì alla quale ci teneva davvero tanto.

 “Sarà un concerto (l’unico dell’estate) inedito, con orchestra sinfonica e band, all’ Arena di Forlì . Intanto il nuovo disco prende forma e mi appassiona sempre di più” aveva scritto pochi giorni fa su Instagram.

Le parole della Pascale sui social

Sui social è arrivato un messaggio d’amore da parte della Pascale che ha voluto condividere il suo supporto alla Turci su Instagram, con una foto in cui sono insieme: “Dopo uno spavento improvviso, il peggio è passato.

Anima grande, ti amo”.

Anche la Turci ha voluto tranquillizzare tutti con un post su Instagram: “Grazie per questi messaggi pieni di forza, affetto e bellezza (quelli porta male li ho scaricati nell’apposito cestino). Oggi va già meglio, sarà anche per tutto l’amore che mi circonda. Grazie ancora. Paola vostra”.

 

 

LEGGI ANCHE: Alessia Grimaldi, chi era la ragazza morta in A14 a Bologna: la ricostruzione dell’incidente