Live

Nobel per l’economia a David Card, “padre” del salario minimo. Premiati anche Joshua Angrist e Guido Imbens

Il Nobel per l'Economia va a David Card, della Berkeley University, per lo studio sulla correlazione tra migrazione, salario e istruzione.

David Card, dell’università di Berkeley, ha ottenuto il Premio Nobel all’Economia per il suo “contributo empirico all’economia del lavoro“. Sono stati premiati anche Joshua D. Angrist, del Massachusetts Institute of Technology, e Guido W. Imbens, di Stanford, stavolta per “i loro contributi metodologici alle analisi delle relazioni causali“.

Nobel per l’economia a David Card

David Card lavora all’università di Berkeley, Stati Uniti, e nel 2021 ha ottenuto il premio Nobel all’Economia, insieme a Joshua D. Angrist e Guido W. Imbens. Il primo studioso è stato premiato per il suo “contributo empirico all’economia del lavoro“. Mentre Joshua D. Angrist, del Massachusetts Institute of Technology, e Guido W. Imbens, di Stanford, hanno vinto per “i loro contributi metodologici alle analisi delle relazioni causali“.

Sul sito Nobel Prize si leggono le motivazioni. I vincitori di quest’anno, “ci hanno donato degli approfondimenti sul mercato del lavoro e ci hanno fatto vedere quali conclusioni possono essere tratte dagli esperimenti sul campo. Il loro approccio si è diffuso ad altri campi e ha rivoluzionato la ricerca empirica“.

Le domande degli scienziati

Molte delle grandi domande nelle scienze sociali riguardano causa ed effetto. In che modo l’immigrazione influisce sui livelli salariali e occupazionali? In che modo un livello d’istruzione più alto influisce sul reddito futuro di qualcuno? È difficile rispondere a queste domande perché non abbiamo nulla da usare come confronto. Non sappiamo cosa sarebbe successo se ci fosse stata meno immigrazione o se una data persona non avesse continuato a studiare“.

Si continua a leggere nel sito web del premio. “Tuttavia, i vincitori di quest’anno hanno dimostrato che è possibile rispondere a queste e ad altre domande simili utilizzando esperimenti naturali. La chiave sta nel riprodurre situazioni in cui eventi casuali o cambiamenti politici creano gruppi di persone trattati in modo diverso. Un procedimento che assomiglia a quelli usati negli studi clinici di medicina”. 

La metodologia di David Card

Utilizzando esperimenti naturali, David Card ha analizzato gli effetti sul mercato del lavoro di salari minimi, immigrazione e istruzione. I suoi studi dei primi anni ’90 hanno sfidato la saggezza convenzionale, portando a nuove analisi e ulteriori intuizioni. I risultati hanno mostrato, tra l’altro, che l’aumento del salario minimo non porta necessariamente a un minor numero di posti di lavoro. Ora sappiamo che i redditi delle persone nate in un paese possono beneficiare di una nuova immigrazione, mentre le persone immigrate in precedenza rischiano di essere influenzate negativamente. Ci siamo anche resi conto che le risorse nelle scuole sono molto più importanti per il futuro successo degli studenti nel mercato del lavoro di quanto si pensasse in precedenza”. 

Gli studi di Card sulle questioni fondamentali per la società e i contributi metodologici di Angrist e Imbens hanno dimostrato che gli esperimenti naturali sono una ricca fonte di conoscenza. La loro ricerca ha sostanzialmente migliorato la nostra capacità di rispondere a domande causali chiave, il che è stato di grande beneficio per la società“, afferma Peter Fredriksson, presidente del Comitato del Premio per le scienze economiche.