Nikolas Cruz, condannato all’ergastolo per la strage in Florida: nel 2018 uccise 17 persone

Nikolas Cruz è il giovane che nel 2018 si rese protagonista in negativo per la strage compiuta in una scuola della Florida.

Nikolas Cruz è stato condannato all’ergastolo per la strage fatta in una scuola in Florida nel 2018. Lo stesso ragazzo aveva chiesto il massimo della pena per i crimidi di cui si è macchiato. Adesso, si discute sulla possibilità della pena di morte.

Nikolas Cruz, condannato all’ergastolo per la strage in Florida

Nikolas Cruz è il giovane accusato della sparatoria nel 2018 nella scuola di Parkland, Florida. Il ragazzo si macchiò di uno dei crimini più sanguinosi della storia degli Stati Uniti.

Aveva chiesto per questo che gli fosse inflitta la pena più dura. Così il tribunale l’ha condannato all’ergastolo con la possibilità che venga decisa la condanna a morte per Nikolas. La giudice Elizabeth Scherer, che dovrà emettere la sentenza definitiva, ha fissato la data dell’ultima udienza per il primo novembre. Sempre secondo le leggi della Florida, Scherer non potrà ignorare la raccomandazione della giuria e non potrà quindi condannare Cruz alla pena di morte.

Nel 2018 uccise 17 persone

La strage fu consumata nel 2018 nella scuola di Parkland, Florida. Aveva 19 anni quando uccise 17 persone tra cui 14 studenti e 3 insegnanti. Poi fuggì a piedi mescolandosi con altri studenti in fuga ma fu arrestato un’ora dopo. Da allora si trova in una cella di isolamento in carcere.  Per evitare la pena capitale, la difesa ha insistito sul fatto che Cruz soffrisse di sindrome feto-alcolica, una disabilità dovuta al consumo eccessivo di alcol da parte della madre durante la gravidanza.

 

 

LEGGI ANCHE: Trapani, il maltempo colpisce la città siciliana: forti piogge ed allagamenti