‘Ndrangheta, arresti a Locri: 29 nuove leve del clan Cordì in manette

'Ndrangheta, 29 arresti a Locri e in tutta Italia: i giovani del Clan Cordì in custodia. "I cittadini chiedevano loro giustizia privata"

‘Ndrangheta, 29 arresti in tutta Italia: in manette le nuove leve del Clan Cordì di Locri. L’operazione dei carabinieri New Generation-Riscatto II porta all’arresto di molti giovani malavitosi, accusati di associazione per delinquere di stampo mafioso.

‘Ndrangheta arresti a Locri e in tutta Italia, 29 giovani del Clan Cordì

Un’operazione antimafia che copre tutto il paese da un duro colpo alla ‘Ndrangheta. Il DDA di Reggio Calabria e i Carabinieri hanno arrestato 29 nuove leve del Clan Cordì a Locri, ma anche nelle province di Reggio Calabria, Pavia, Udine, Terni e Catanzaro.

I procuratori  Giovanni Bombardieri e Giuseppe Lombardo hanno ottenuto l’ordinanza di custodia cautelare dal giudice delle indagini preliminari. Il blitz è scattato all’alba di questa mattina.

Gli agenti hanno ricostruito le rinnovate gerarchie del clan mafioso attraverso l’operazione New Generation-Riscatto II. In base alle informazioni raccolte durante le indagini la nuova generazione di malavitosi aveva cominciato a farsi strada nell’organizzazione, decimata dagli arresti degli scorsi mesi. Attraverso danneggiamentiminacce ed estorsioni le “nuove leve” avevano gradualmente preso il controllo del clan.

Gli investigatori sono riusciti a metterli in manette grazie alle denunce di alcune vittime.

I crimini dei giovani di Locri: “I cittadini chiedevano loro giustizia privata”

Sono innumerevoli le accuse a carico dei 29 indagati. Tra queste spiccano associazione per delinquere di stampo mafioso, produzione, traffico e detenzione illeciti di sostanza stupefacente, detenzione di armi e munizioni, danneggiamento, estorsione pluriaggravata, traffico e spaccio di banconote false. Le indagini rivelano particolari molto preoccupanti sulle attività del clan.

Secondo gli investigatori, i malviventi erano soliti servirsi di soggetti minorenni per le loro attività. Esistono inoltre prove di cessioni di stupefacenti a ragazzini sotto i diciotto anni.

Un altro risvolto inquietante riguarda un particolare tipo di richieste accettato dal gruppo di mafiosi. Secondo gli inquirenti, infatti, alcuni cittadini di Locri erano soliti contattare i mafiosi per ottenere giustizia privata“. Su richiesta di presunte vittime di reato o ingiustizie la cosca era solita intervenire punendo i presunti criminali, scavalcando le autorità e la magistratura.

Questi cittadini si rivolgevano alla mafia in quanto ritenuta più efficace ed immediata della giustizia ordinaria.