Napoli, pizzeria Dal Presidente accusata di omofobia: polemica per una storia su Instagram

Pizzeria Dal Presidente accusata di omofobia: il proprietario del locale napoletano è finito al centro di polemiche per una storia di IG.

La pizzeria Dal Presidente accusata di omofobia: è successo al proprietario del famoso esercizio culinario presente al centro di Napoli. Nel mirino una sua storia su Instagram in cui si scaglia im modo forte contro la comunità Lgbt.

Napoli, pizzeria Dal Presidente accusata di omofobia

Il proprietario della pizzeria Dal Presidente, famosa e situata al centro di Napoli, è finito al centro di numerose polemiche, che si sono scatenate a seguito di una sua storia su Instagram.

Dopo alcuni giorni dal Gay Pride, il proprietario della famosa pizzeria napoletana, si è scagliato contro i rappresentati della comunità Lgbt. Parole pesanti e forte che hanno fatto immediatamente il giro dei social e del web scatenando a sua volta ulteriori polemiche.

Polemica per una storia su Instagram

Nella storia pubblicata dal proprietario della pizzeria si legge: “Non me ne fotte di consensi e di avere più clienti, o di candidarmi in politica per avere voti e fare soldi.

Io sono un uomo e non voglio offendere la legge di Gesù Cristo, che ha creato uomo e donna“.

Poi, l’affondo: “Non devo essere falso viscido e leccino dei gay e delle lesbiche: io amo e ringrazio Dio che mi ha creato uomo e questo degrado che voi umani state accettando non lo condivido, quindi per me siete dei pervertiti infelici: volete far sentire gli altri sbagliati e torturare i bambini che vi guardano in tv per strada”. 

Arcigay Napoli, in una nota scrive: “E’ vergognoso.

Siamo inorriditi da tanto squallore. Il titolare della pizzeria, sul suo profilo Instagram, scrive cose inaccettabili. In attesa di chiarimenti, faremo subito tutte le verifiche del caso, financo quelle legali“.

A chi chiede pubblicamente spiegazioni e scuse sulla pagina Facebook, “Dal Presidente” risponde: “Spiegarlo da vicino chiarirebbe tutto, ma rispondere non mi va più: l’unica cosa che posso scrivere è che chi mi conosce sa che ho amici gay, lavoratori gay: non sono omofobo e non porto odio sono stato offeso da un singolo e ho litigato con un singolo tutto qui”.

LEGGI ANCHE: Maneskin, concerto a Roma pericoloso per i medici: “C’è picco dei contagi, spostatelo”