Napoli, arrestato il nipote di Sandokan: chi è e quali sono le accuse

Napoli, arrestato il nipote di Sandokan dalla Dia. Il clan dei Casalesi ha subito un altro duro colpo sulla gestione degli appalti pubblici.

Napoli, arrestato il nipote di Sandokan: la Dia ha sferrato un altro duro colpo al clan dei Casalesi. Al centro dell’indagini c’è la gestione degli appalti pubblici. Il nipote della storica famiglia criminale di Casal di Principe era già stato condannato a dieci anni di carcere.

Napoli, arrestato il nipote di Sandokan

Un nuovo duro colpo al clan dei Casalesi: è stato infatti arrestato il nipote del capoclan Francesco Schiavone.

L’ultimo fermato del clan è Nicola Schiavone, 44 anni, fermato insieme ad Alessandro Ucciero di 52 anni. La Dia di Napoli ha notificato ad entrambi una misura cautelare in carcere in merito alla gestione degli appalti pubblici da parte del clan di Casal di Principe.

Chi è e con quali accuse è stato fermato

Nicola Schiavone fu soprannominato “o’ russ” al termine del processo “Normandia 2” e fu già condannato a dieci anni di carcere.

Schiavone e Ucciero sono indagati per i reati di associazione di tipo mafioso, fittizia intestazione dei beni, riciclaggio e autoriciclaggio, questi ultimi aggravati dalle finalità e modalità mafiose. “Le attività investigative – scrive la Dia di Napoli in un comunicato – hanno consentito di accertare la riconducibilità in capo all’indagato di una società attiva nel settore degli appalti pubblici che egli aveva fittiziamente intestato ad un prestanome pure colpito dalla misura cautelare.

La società costituita si occupava di lavori edili con la pubblica amministrazione mediante contratti di avvalimento non avendo attestazioni Soa, essendo l’azienda di nuova costituzione”.

 

LEGGI ANCHE: Bonus matrimonio per chi decide di sposarsi in chiesa: le cifre e la proposta della Lega scatenano polemiche