Membri Nato: quali sono i Paesi dell’Alleanza Atlantica

Membri Nato: l'organizzazione internazionale è chiamata in causa quando ci sono conflitti in atto e il possibile intervento in difesa.

Membri Nato: sono tanti i paesi che sono riuniti in questa organizzazione internazionale in nome della Difesa. I prossimi Paesi su cui è previsto l’ingresso nel meccanismo di adesione sono Bosnia Erzegovina, Georgia e Ucraina. Quest’ultima è al centro di un conflitto con la Russia per il suo intento di entrare nella NATO, osteggiato proprio da Putin.

Cos’è la Nato

La NATO (North Atlantic Treaty Organization) è l’Organizzazione del Trattato dell’Atlantico del Nord.

Mette insieme diversi paesi del mondo per la collaborazione nel settore della Difesa. La sede è a Bruxelles e l’attuale segretario generale è il norvegese Jens Stoltenberg. Il Patto Atlantico è il trattato con cui la NATO è stata istituita e venne firmato il 4 aprile 1949 a Washington. Al momento sono 30 gli Stati che ne fanno parte.

L’idea di riunire gli stati in nome della difesa nacque dopo la fine della seconda guerra mondiale.

I Paesi fondatori della NATO furono Belgio, Canada, Danimarca, Francia, Islanda, Italia, Lussemburgo, Norvegia, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito e Stati Uniti d’America. Dalla sua nascita, l’organizzazione è intervenuta già in diversi conflitti per difendere. In particolare è intervenuta sulla lotta al terrorismo dopo i fatti dell’11 settembre.

Membri Nato: quali sono i Paesi

Dunque, primi firmatari del Trattato furono Belgio, Canada, Danimarca, Francia, Islanda, Italia, Lussemburgo, Norvegia, Olanda, Portogallo, Regno Unito e Stati Uniti.

A queste Nazioni si unirono la Grecia e la Turchia (1952), l’allora Repubblica Federale di Germania (1955), la Spagna (1982) e la Polonia, l’Ungheria e la Repubblica Ceca (1999).

Nel 2004 si è completato il processo di adesione di altri 7 Paesi ex sovietici: Bulgaria, Estonia, Lettonia, Lituania, Romania, Slovacchia e Slovenia. Due anni dopo sono entrate nella NATO anche Albania e Croazia. Gli ultimi ingressi sono stati nel 2017 il Montenegro e nel 2020 la Macedonia del Nord.

LEGGI ANCHE: Terza guerra mondiale: quanto è reale il rischio?