Iron Maiden a Bologna, concerto sospeso in diretta per mal tempo. La data verrà recuperata

Iron Maiden a Bologna non si sono esibiti perché il concerto è stato annullato per maltempo. Delusione per gli spettatori presenti.

Iron Maiden a Bologna: il concerto tanto atteso per giovedì 7 luglio non c’è stato. L’evento è stato annullato a causa del maltempo che minacciava il cielo di Bologna. 30mila persone hanno dovuto rinunciare allo show tanto atteso.

Iron Maiden a Bologna, concerto sospeso in diretta

Era tutto pronto per il concerto degli Iron Maiden a Bologna nella serata di giovedì 7 luglio. Tuttavia il maltempo ha deciso che l’evento non si doveva fare.

Circa 30mila persone provenienti da tutta Europa,  Veneto, Toscana, Sardegna e Campania, ma anche da Svizzera e Germania hanno dovuto abbondonare l’idea di ascoltare la musica rock del gruppo.

Infatti, proprio mentre l’evento era in procinto di dare il via al gande show della band, si è deciso per l’annullamento a causa del maltempo. Proprio durante l’inizio del live, infatti, dal palco hanno chiesto ai partecipanti di evacuare l’arena.

Trascorso un quarto d’ora, gli organizzatori hanno dichiarato annullato il concerto, seguendo le indicazioni della Protezione Civile. Prima degli Iron Maiden erano riusciti a esibirsi, invece, i due gruppi di apertura della serata: Airbourne e Lord of the Lost.

La data verrà recuperata

Erano due anni che la data veniva annullata a causa della pandemia. Un’attesa che stava per terminare ma poi è arrivato il mal tempo. Gli organizzatori hanno fatto sapere che l’evento bolognese sarà recuperato ma non sarà così semplice.

Nei prossimi giorni dovrebbe essere comunicata la data di recupero del concerto. Tante sono state le proteste sui social per la decisione presa.

Ecco cosa scrive su Facebook la Pagina Iron Maiden Italia: “Sicuramente è stata una cancellazione inutile dal momento che siamo ancora in giro per Bologna e di “tempeste” non se ne vede neanche l’ombra. Capiamo comunque che la situazione potesse essere rischiosa per quei pochi minuti, essendo in prima fila vedevamo le casse volare a causa delle folate di vento.

Sicuramente potrebbe essere stata gestita meglio, su questo non ci piove. Di chi è la colpa? Magari solo di un eccesso di sicurezza.
Ma per favore, non insultate i Maiden per quanto accaduto. Loro erano pronti (l’annuncio è stato dato proprio quando doveva iniziare Doctor Doctor). Se non sono usciti è solo perché gli è stato detto così (e dal momento che la gente non si voleva allontanare dalla barriera è anche comprensibile, una loro uscita avrebbe scatenato la follia)”.

 

LEGGI ANCHE: Maneskin, concerto a Roma pericoloso per i medici: “C’è picco dei contagi, spostatelo”