Giorgio Abonante, chi è il nuovo sindaco di Alessandria: curriculum, moglie e lista

Giorgio Abonante è il nuovo sindaco di Alessandria, dopo aver vinto ballottaggio con Cuttica domenica 26 giugno 2022.

Giorgio Abonante è il nuovo sindaco di Alessandria, che ha battuto al ballottaggio Cuttica dopo essere finiti al 41% al primo turno. Al secondo turno, il candidato del centrosinistra Abonante Giorgio Angelo vince con il 54,4% dei voti mentre Gianfranco Cuttica Di Revigliasco del centrodestra si ferma al 45,6%.

Giorgio Abonante, chi è: curriculum e moglie

Giorgio Abonante è nato nell’agosto del 1975 e ha sempre vissuto ad Alessandria, dove è conosciuto come Abo.

Il candidato sindaco di Alessandria è sposato e ha due figli di 12 e 10 anni.

Ha frequentato l’ITIS A. Volta e si è laureato in Scienze Politiche con un Master in Sviluppo Locale. È all’università che è cominciata la sua esperienza politica, prima offrendo servizi agli studenti e poi rappresentandoli negli organi di governo dell’ateneo.

Dal 2007 è stato consigliere comunale di Alessandria con una parentesi in Giunta dal 2014 al 2017. Lavora all’ufficio progetti e assistenza ai Comuni presso la Provincia di Alessandria.

Nel tempo libero si dedica al calcio, alla corsa e alla lettura.

La lista del candidato sindaco di Alessandria

Abonante è esponente del centrosinistra ossia del Pd e per le comunali 2022 ad Alessandria è appoggiato da M5s, Moderati per Abonante, Europa Verde Alessandria, Lista Abonante per Alessandria e Alessandria Civica.

Domenica 26 giugno 2022, ha vinto il ballottaggio contro Gianfranco Cuttica di Revigliasca . Per la sua candidatura e programma, ha dichiarato: Voglio essere un Sindaco aperto al confronto inclusivo, che non si accontenti di soluzioni comode e rassicuranti.

Porto con me l’esperienza accumulata in molti anni di attività e la collaborazione con i miei colleghi in Consiglio Comunale, con gli amici e i cittadini che mi hanno sempre sostenuto.
Vogliamo creare un programma capace di identificare quei progetti da offrire alla collettività, a chi ad Alessandria ci vive e a chi, invece, ad Alessandria trascorre il proprio tempo”.