Gallipoli, virus raccontato su TitkTok dai giovanissimi: hanno sintomi ma sono negativi al tampone

Gallipoli, virus sta mettendo paura a tanti giovanissimi che dichiarano sui social di avere sintomi ma essere negativi al tampone.

Gallipoli, virus pare si stia diffondendo nella località presa da assalto nei mesi estivi. Almeno secondo le testimonianza dei giovanissimi che si affidano a TilTok per raccontare la propria situazione con sintomi ma negativi al tampone.

Gallipoli, virus raccontato su TitkTok dai giovanissimi

Da Gallipoli arrivano racconti di giovanissimi che su TiTok dichiarano di avere sintomi di un virus che non è il Covid: “Quando vai a Gallipoli e ti prendi un virus che non è Covid”, dice una ragazzina in un video.

I ragazzi sostengono che ci sia qualcosa nell’acqua marina, dal momento che tutti hanno fatto il bagno durante il soggiorno nella località marittima.

C’è, inoltre, chi parla di “batterio nell’acqua”. Lo dice chiaramente una delle vittime del misterioso virus: “Credevo fosse per l’aria condizionata, ma a questo punto credo sia qualche batterio nell’acqua”Sono diversi i video dei ragazzi che su TikTok stanno raccontando situazioni simili e stanno diventando anche molto virali, essendo quelle zone frequentate in estate da tanti ragazzi.

Hanno sintomi ma sono negativi al tampone

Sembrano essere tutti sintomi da Covid con tosse, febbre alta e mal di gola, accompagnati da occhi rossi. Tuttavia, stando sempre alle testimonianze dei giovanissimi il tampone darebbe esito negativo. In realtà non solo Gallipoli perché i ragazzi che denunciano questa situazione tornano anche da Riccione, Pag e Corfù

C’è chi afferma che possa trattarsi di Escherichia Coli, la cui presenza era stata individuata nelle acque della riviera romagnola e i cui valori sono presto rientrati nella normalità.

Un batterio di comune riscontro nell’intestino umano, ma anche in quello di diversi animali a sangue caldo. Inoltre, c’è, tuttavia, chi ipotizza – scrive ‘Leggo’ – che le correnti lo abbiano solo trasportato altrove facendolo approdare, dunque, tra le acque di Gallipoli.

 

LEGGI ANCHE: Marta Novello, storia della ragazza aggredita mentre faceva jogging. Aggressore scarcerato per errore