Firenze, terremoto mette in allarme la città con due scosse: magnitudo ed epicentro

Firenze, terremoto ha svegliato la città e la provincia. Due sarebbero state le scosse avvertite alle prime luci del mattino.

Firenze, terremoto: alle prime luci del mattino di venerdì 21 ottobre 2022 sono state avvertite due scosse che hanno messo in allarme la città e i paesi della provincia. La situazione è attualmente monitorata e sotto controllo. Tuttavia, non si segnalano danni a persone o cose.

Firenze, terremoto mette in allarme la città

Alle prime luci del mattino di venerdì 21 ottobre 2022, due scosse di terremoto sono state avvertite intorno alla città di Firenze.

A seguito anche dei molti messaggi sui social di chi ha condiviso la testimonianza, il  presidente della regione Eugenio Giani ha subito twittato: “Con la sala operativa regionale stiamo monitorando la situazione”. Tuttavia, in base alle prime informazioni non sembrano esserci stati danni a cose o persone.

Le scosse sono state avvertita, in base alle testimonianze sui social, da Mugello e dalla provincia di Firenze (Sesto, Campi, Calenzano, Pelago, Rignano, Rufina, Scandicci) e Prato, ma anche nella parte nord della provincia (Valle del Bisenzio).

Due scosse: magnitudo ed epicentro

La prima scossa è stata registrata alle 3:49, la seconda alle 5:59. La magnitudo è state di 3.4 ed è stata avvertita in particolare a nord di Firenze. Secondo i rilevamenti dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a 8 km di profondità ed epicentro vicino a Borgo San Lorenzo.

“Al momento non ci sono segnalazioni di danni. Stando questa situazione le scuole saranno aperte”.

Lo scrive sui social Paolo Omoboni, il sindaco di Borgo San Lorenzo (Firenze), il comune più vicino all’epicentro della scossa di terremoto. Così anche Dario Nardella, sindaco di Firenze e della Città metropolitana, spiega che è “in corso un monitoraggio della Sala di Protezione civile della Città Metropolitana: è stato attivato Centro Intercomunale”.

 

LEGGI ANCHE: Roma, il corteo degli studenti venerdì 21 ottobre: i motivi della protesta e della manifestazione