Elezioni regionali Sicilia 2022, primi exit poll: Schifani in vantaggio

Elezioni regionali Sicilia 2022, ecco i dati dei primi exit poll: Schifani verso l'elezione, De Luca è dietro di 13 punti percentuali.

Elezioni regionali Sicilia 2022, ecco i primi exit poll: vantaggio per Schifani, De Luca insegue. Dopo la chiusura dei seggi alle 23, arrivano i primi dati dei sondaggi che vedono il centrodestra in testa di 13 punti percentuali su Sicilia Vera. Molto più indietro PD M5S.

Elezioni regionali Sicilia 2022, ecco i primi exit poll: Schifani verso l’elezione

In concomitanza con le elezioni politiche 2022, la Sicilia è andata alle urne per scegliere i propri rappresentanti regionali.

I cittadini siciliani hanno votato oggi per scegliere il nuovo Presidente della Regione e i 70 deputati dell’Assemblea regionale. Con la chiusura dei seggi alle ore 23, arrivano i primi exit poll, i sondaggi effettuati tra gli elettori all’uscita dalle urne. Lo spoglio avrà inizio solo domani, alle ore 14.

In base ai dati divulgati dalla Rai alle 23.02, il candidato del centrodestra Renato Schifani è in netto vantaggio sulla concorrenza, con una percentuale di voti compresa tra il 37 e il 41%.

Insegue a 13 punti percentuali di distanza Cateno De Luca, fermo tra il 24 e il 28%. Molto più indietro la candidata di PD-Cento Passi, Caterina Chinnici, che ha raccolto tra il 15,5 al 19,5% delle preferenze. Al quarto posto la scelta del M5SNuccio Di Paola, con voti tra il 13 e il 17%. In ultimo gli altri due candidati, Gaetano Armao Eliana Esposito, appena tra l’1,5 e il 3,5%.

Affluenza in Sicilia: appena oltre il 35% alle ore 19

Le elezioni regionali siciliane registrano per ora una bassa affluenza. Alle ore 19 risulta aver votato solo il 35,58% degli aventi diritto. Alla stessa ora nel 2018 si registrava un’affluenza del 36,44%. Ecco i dati specifici, provincia per provincia:

  •  Agrigento 28,83%;
  • Caltanissetta 27,93%;
  • Catania 37,95%;
  • Enna, 27,48%;
  • Messina 39,68%;
  • Palermo 36,97%;
  • Ragusa 35,92%;
  • Siracusa 36,61%;
  • Trapani 36,32%.