Dolomiti, crollo su Monte Pelmo: si sono staccate delle rocce. Sul posto il soccorso alpino

Dolomiti, crollo su Monte Pelmo: nella mattinata di martedì 9 agosto c'è stata tanta preoccupazione pe una frana improvvisa.

Dolomiti, crollo su Monte Pelmo: un grande boato e preoccupazione nella mattinata di martedì 9 agosto 2022. Sul posto si stanno verificando i giusti controlli per evitare che non ci siano stati danni a cose e soprattutto a persone.

Dolomiti, crollo su Monte Pelmo: si sono staccate delle rocce

Nella mattinata di martedì 9 agosto verso le 7.40, una scarica di rocce è crollata dal Monte Pelmo sulle Dolomiti. Il distacco è avvenuto sotto la vetta, nel versante nord e ha scaricato una grande quantità di materiale nello stesso punto di un crollo minore avvenuto dieci anni fa.

La frana si è verificata tra il passo Staulanza e forcella Val D’Arcia, ed è stato distintamente avvertito anche dalle persone che alloggiavano nei due rifugi in zona, lo Staulanza e il Città di Fiume.

Sul posto il soccorso alpino

I vigili del fuoco della provincia di Belluno, con l’ausilio dell’elicottero Drago 149 alzatosi dalla base di Venezia, stanno perlustrando a loro volta la zona per assicurarsi che non vi siano persone coinvolte dal distacco di materiale.

Sul luogo si sono recati gli operatori del Soccorso alpino della Val Fiorentina per verificare l’area interessata, soprattutto per escludere la presenza di persone coinvolte.

A quanto si apprende, il crollo sulle Dolomiti non sembra aver coinvolto escursionisti e non avrebbe, di conseguenza, provocato feriti né tantomeno morti. Il soccorso alpino, infatti, ha spiegato che le persone che dovevano mettersi in marcia per raggiungere i rifugi non erano ancora partite al momento del distacco.

Inoltre, non sono pervenute segnalazioni di turisti dispersi o scomparsi. Il crollo è stato ripreso da un video che sta girando sui social.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Romolo Del Zenero (@romolodelzenero)

 

LEGGI ANCHE: West Nile, crescono i casi in Italia: tre donatori sono risultati positivi