Live

Diabete, glucagone spray nasale salvavita rimborsabile in Italia

Il glucagone spray nasale, farmaco salvavita per i pazienti diabetici, diventa rimborsabile grazie al sistema sanitario nazionale.

Il glucagone spray è un farmaco salvavita che è in grado, con un semplice spruzzo nel naso, di ristabilire il livello di zuccheri nel sangue, in caso di improvvisa ipoglicemia causata da diabete. Da oggi può essere prescritto gratuitamente in Italia. Il farmaco, approvato a metà 2020 dall’Aifa, è rimborsabile da parte del Servizio Sanitario Nazionale, come da decreto in Gazzetta Ufficiale.

Glucagone spray rimborsabile

Il rischio di ipoglicemia è concreto in molti pazienti affetti da diabete. Potrebbero soffrirne tutte le persone con diabete di tipo 1, soprattutto in lunga durata. Infatti fino altre il 40% dei pazienti ne sono colpiti almeno una volta all’anno. E inoltre, anche pazienti con il diabete di tipo 2, anche se più raramente, corrono il rischio di ipoglicemia.

Così, entra in gioco il glucagone spray: il farmaco che con un semplice puff in narice può salvare la vita. Aiuta rapidamente a ristabilire il livello di zuccheri nel sangue, e da oggi può essere prescritto gratuitamente. È una vera svolta per le persone diabetiche, che da ora in poi potranno avere rimborsato il glucagone da parte del Servizio Sanitario Nazionale.

Come funziona lo spray

Il farmaco, approvato dall’Aifa nel 2020, è prodotto da Ely Lilly. È molto semplice da utilizzare, soprattutto se si ha a che fare con dei bambini, e può essere tenuto sempre a portata di mano perché non richiede particolari precauzioni nella conservazione.

Quando una persona con diabete va incontro a un episodio di ipoglicemia grave, con la perdita di coscienza, non c’è tempo da perdere. Non potendo somministrare zuccheri per bocca, è necessario che un’altra persona intervenga subito con il glucagone, l’ormone antagonista dell’insulina che stimola il fegato a rilasciare e produrre glucosio riportando rapidamente la glicemia nella norma“, spiega Paolo Di Bartolo, presidente dell’Associazione Italiana Medici Diabetologi.

Si tratta di una vera innovazione, perché prima del farmaco di Ely Lilly il glucagone era disponibile solo per iniezione intramuscolare. Una soluzione meno immediata dello spray e che richiedeva la presenza di qualcuno in grado di somministrarlo.

Il farmaco salvavita rimborsabile

L’improvviso calo della glicemia al di sotto del valore di 54 mg/ml è un’emergenza imprevedibile che ogni anno riguarda molti pazienti, in particolare quelli in terapia con insulina“, spiega Emanuele Bosi, direttore del Centro di Diabetologia e professore di Medicina Interna dell’Università Vita Salute dell’Ospedale San Raffaele di Milano.

Per tutti loro, aggiunge: “l’ipoglicemia è una spada di Damocle. In assenza di soccorsi si può andare incontro alla perdita dello stato di coscienza e alla morte“. Il glucagone spray in questo senso si pone davvero come un salvavita. Può essere utilizzato anche sui bambini di età superiore ai 4 anni e, spruzzato in una sola narice, non ha bisogno di essere aspirato per entrare in azione.

Avere sempre con sé un farmaco salvavita e maneggevole è un’assicurazione sulla vita nel caso di perdita di coscienza – conclude Claudio Maffeis, presidente Società italiana endocrinologia e diabetologia pediatrica (SIEDP) – perché chiunque può intervenire e spruzzare il farmaco spray nel naso al paziente e quindi offrire un soccorso adeguato e tempestivo“.