Da Ken umano a Barbie dopo 90 operazioni chirurgiche: Rodrigo Alves ora si chiama Jessica

Da Ken umano a Barbie: è stata resa pubblica la nuova ultima e grande trasformazione di Rodrigo Alves che ora si chiama Jessica.

Da Ken umano a Barbie: sono servite tante operazioni per arrivare all’ultima grande trasformazione per Rodrigo che da oggi in poi si chiamerà Jessica. Non saranno possibili altri operazioni chirurgiche altrimenti rischierebbe la morte.

Da Ken umano a Barbie dopo 90 operazioni chirurgiche

Il Ken umano che tutto il mondo aveva conosciuto adesso è diventato Barbie. Con circa 90 operazioni chirurgiche è andata in porto la trasformazione come spiegato in un’intervista a This Morning.

“Dopo tanti interventi di chirurgia plastica, ho raggiunto il mio obiettivo e quindi somiglio a Barbie, proprio come volevo. Penso di avere un bell’aspetto, mi sento bene e quando mi sveglio e mi guardo allo specchio ringrazio Dio” ha dichiarato Jessica sostenendo, però, che manca ancora un 5% alla sua completa felicità.

Non è ancora contento al 100% ma andare incontro ad altre operazioni sarebbe troppo rischioso per la sua vita.

“Se mi toccano il naso ora, lo perderei, diventerebbe nero e collasserebbe perché è troppo rovinato per gli interventi, se lo guardate bene si vede che non è perfetto” ha dichiarato l’ex Ken umano.

Rodrigo Alves ora si chiama Jessica

Dunque, dopo la trasformazione fisica anche il nome è cambiato: da Rodrigo diventa Jessica Alves. La nuova Barbie umana ha deciso di fermarsi con le operazioni e accettare il suo aspetto anche se non pienamente soddisfatta.

Se mi guardi, è evidente che il mio naso è rovinato. Ho subito più di dieci interventi di chirurgia plastica al naso, ho avuto problemi. È stato impossibile trovare un chirurgo in tutto il mondo che potesse davvero sistemare il mio naso” ha raccontato, aggiungendo che ora non può più toccarlo con bisturi.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Jessica Alves (@jessicaalvesuk)

 

LEGGI ANCHE: Elena, chi è la donna morta con il suicidio assistito in Svizzera. Cappato si autodenuncia per averla accompagnata ed ecco cosa rischia