Chiara Nasti contro ItaloTreno: “Follia, trattate la gente come animali”

La rabbia di Chiara Nasti contro ItaloTreno, lo sfogo sul suo profilo Instagram: "Che follia è, trattate la gente come animali".

Chiara Nasti si scaglia contro ItaloTreno, la storia Instagram: “Ma che follia è? Trattate la gente peggio degli animali”. La futura moglie di Mattia Zaccagni si è sfogata sui social dopo una brutta esperienza in treno: “Mai più, modi pessimi e zero umanità”.

La rabbia di Chiara Nasti contro ItaloTreno: “Follia, mai più. Ci trattate come animali”

Chiara Nasti, l’affascinante fashion influencer e futura moglie del centrocampista della Lazio Mattia Zaccagni, ha scosso i suoi follower pubblicando un rabbioso sfogo sul suo profilo Instagram.

La 24enne napoletana ha pubblicato una storia in cui si scaglia contro ItaloTreno denunciandone il pessimo servizio. Incinta di sette mesi del piccolo Thiago, l’influencer afferma di essere stata trattata in modo orribile durante il suo viaggio verso Roma: “Ma che follia è ItaloTreno? Può fare qualsiasi ritardo, lasciare sporche le loro carrozze, e tanto altro. E poi mi fa pagare il biglietto per un cane di 1.5 kg (€90) quando al di sotto dei 5 kg c’è scritto ovunque che non va pagato!”.

La Nasti sottolinea di aver scelto il treno per non sforzarsi troppo durante la gravidanza. Un proposito che, a quanto pare, le ha causato solo più stress: “Se uso questi mezzo è perché sono in dolce attesa e la tratta NAPOLI – ROMA con un’autista mi fa venire la nausea e il mal di schiena. Ma questi mezzi non sono da meno. Possono anche fallire per quanto mi riguarda. Vergogna, trattate la gente peggio degli animali, fate a tutti i costi i furbi per speculare su qualsiasi cosa.”.

Il veleno contro il personale: “Modi pessimi e zero umanità”

L’influencer ha qualcosa da dire anche sul personale del treno, colpevole di maleducazione ed indifferenza a suo parere: “La maggior parte della gente che ci lavora (non ne faccio di tutta l’erba un fascio perché ci sono ancora brave persone) hanno dei modi pessimi, ti rispondono con aria di sfida e ormai c’è zero umanità anche davanti ad una donna in dolce attesa“. Nasti chiude la sua filippica con una sentenza definitiva: “No words, Italo? Mai più!”.

Chiara Nasti ItaloTreno