Chi è Virginia Giuffre, donna che accusa il principe Andrea di violenza sessuale

Chi è Virginia Giuffre: la donna che oggi vive in Australia ha intentato una causa contro il terzogenito della regina Elisabetta.

Chi è Virginia Giuffre: la donna ha intentato una causa contro un personaggio importante e noto in Gran Bretagna. Si tratta del terzogenito della regina Elisabetta d’Inghilterra.

Chi è Virginia Giuffre

Virginia Giuffre è nata in California nel 1983, poi si trasferisce in Florida a soli quattro anni. Oggi si trova a Perth, in Australia, insieme al marito e tre figli. Nel 2007 l’Fbi, nel 2007 l’ha interrogata in merito all’inchiesta su Jeffrey Epstein.

Anche la Giuffre, infatti, è stata vittima da adolescente di traffico e abuso sessuale da parte dell’imprenditore e dei suoi potenti soci.

L’infanzia della dona è stata terribile e traumatica. A soli sette anni ha raccontato di essere stata abusata sessualmente da un amico di famiglia, portandole via rapidamente l’infanzia. Dopo alcuni affidi a diverse famiglie, a 14 anni si ritrova a vivere per strada. Nel 2000 conosce Ghislaine Maxwell.

L’inchiesta su Epstein, avviata nel 2005, ha portato alla luce un giro di 36 ragazze vittime, alcune avevano 14 anni.

Finito nel tornado di accuse

La donna accusa il principe Andrea di violenza sessuale

Virginia Giuffre, anni dopo, ha lanciato una causa civile contro il principe Andrea di Gran Bretagna, il terzo figlio della Regina Elisabetta.  Giuffre sostiene che il principe abbia abusato di lei tre volte, a casa di Maxwell a Londra e più tardi nelle case di Epstein a Manhattan e Little St James nelle Isole Vergini. I fatti contestati al principe risalgano al 2001.

Da sottolineare che il principe ha sempre negato le accuse ma ciò non è servito né a convincere i giudici né a ricevere la benevolenza della Regina Elisabetta. . Recentemente, con un comunicato duro la regina Elisabetta ha tolto al figlio Andrea i gradi militari e i titoli reali.

LEGGI ANCHE: Principe Andrea, dalla Regina Elisabetta decisione durissima contro il figlio