Chi è Valerio Lundini: fidanzata, carriera, “Una pezza di Lundini”

Valerio Lundini è un conduttore televisivo e comico che dal 30 marzo 2022 tornerà in onda con nuova stagione di "Una pezza di Lundini"

Valerio Lundini è un conduttore televisivo che è pronto a tornare su Rai 2 con il programma “Una pezza di Lundini”. Vediamo chi è.

Chi è Valerio Lundini

Valerio Lundini, nato l’11 marzo 1986 a Roma, è un comico, attore e conduttore televisivo italiano. Laureato in lettere e diplomatosi anche alla scuola romana dei fumetti, Valerio Lundini inizia a collaborare come autore con diversi programmi radiofonici e nel 2019 partecipa su Rai 2 al programma Battute?.

Questa partecipazione gli permetterà di essere il suo trampolino di lancio nel mondo radiofonico e televisivo. Nel 2020 partecipa come co-conduttore al programma L’altro Festival (nuova versione del DopoFestival di Sanremo) e nel 2020 ottiene un ruolo da attore principale nel programma Una pezza di Lundini in onda in seconda serata su Rai 2. Nel 2021 partecipa in qualità di ospite al Festival di Sanremo e parteciperò per beneficienza ad una puntata I soliti ignoti – il ritorno.

Il ritorno del programma “Una pezza di Lundini”

“Una pezza di Lundini”, programma di Valerio Lundini, è pronto a tornare con una nuova stagione da mercoledì 30 marzo alle 23.30 su Rai 2. Condotto con Emanuela Fanelli, vedrà ancora una volta la partecipazione in studio della band dei Vazzanikki. Lo show satirico è diventato in poco tempo un vero e proprio cult tanto che ha raggiunto picchi di oltre settecentomila spettatori sul lineare e su RaiPlay.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Valerio Lundini (@valeriolundini)

Vita privata e fidanzata

Valerio Lundini è fidanzato, ma resta un mistero il nome della sua dolce metà. In una intervista rilasciata a Il Foglio, infatti, ha raccontato qualche piccolo stralcio di vita privata “Sì, sono innamorato, aveva infatti dichiarato il comico, raccontando simpaticamente che: Una volta ho comprato un mazzo di fiori da venti euro quando ce ne stavano di uguali a 15 euro.”