Chi è Luigi Marattin: biografia, studi, laurea, carriera politica

Luigi Marattin, nato il 20 febbraio 1979, è un deputato del Parlamento Italiano eletto con Italia Viva: carriera politica e studi

Luigi Marattin, membro del parlamento dal 2018, è un politico e accademico italiano. Inizialmente membro del Pd, è poi passato nel 2019 ad Italia Viva di Matteo Renzi.

Chi è Luigi Marattin

Luigi Marattin, nato il 20 febbraio 1979, è un deputato del Parlamento Italiano. Nato a Napoli il 20 da genitori napoletani, il padre era un ingegnere chimico e la madre casalinga. Trasferitosi per un periodo in Puglia, frequenta le scuole elementari a Brindisi  per poi, all’età di nove anni, trasferirsi a Ferrara con i genitori, dove ho completato l’ultimo anno delle scuole elementari.

Ha poi frequentato il Liceo Scientifico “Roiti” negli anni 1992-1997), e a Ferrara è stato coordinatore del sindacato studentesco e presidente della Consulta Provinciale degli Studenti.

Laurea e studi

Diplomatosi nel luglio 1997, ha frequentato poi il corso di laurea quadriennale in Economia delle Amministrazioni Pubbliche e Istituzioni Internazionali presso l’Università di Ferrara, dove ho fondato e diretto il giornale studentesco di facoltà “La Nuova Economia”. Negli anni universitari, ha poi svolto l’intero secondo anno all’Università di Birmingham (UK) con il programma Erasmus.

Nel Regno Unito ha conseguito un Master in “Science in Economics” presso l’Università di Warwick nel settembre 2002. Marattin ha anche un dottorato di Ricerca in Economia Politica in lingua inglese e della durata quadriennale presso l’Università di Siena e ha studiato per un periodo anche a New York. Nel 2013 ha conseguito l’Abilitazione Nazionale a Professore Associato e a Professore Ordinario, e nel 2020 è diventato come Professore Associato di Economia Politica.

Nel 2014 è stato consigliere economico dell’allora Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi, così come anche del successore Paolo Gentiloni.

Carriera politica

Luigi Marattin ha partecipato da subito alla fondazione del Partito Democratico, infatti il 14 ottobre 2007, alle primarie fondative del partito, fu eletto all’Assemblea Nazionale nelle liste a sostegno della candidatura di Walter Veltroni a segretario nazionale. Eletto nel 2018 in parlamento con il Partito Democratico, se ne è poi allontanato, aderendo ad Italia Viva di Matteo Renzi.

Presidente della commissione finanze per due anni nell’ultima legislatura, nel 2022, alle elezioni politiche, è stato rieletto nel 2022 in parlamento con Italia Viva.