Live

Chi è Elisa Cimbaro, l’alunna “gotica” de Il Collegio

Chi è Elisa Cimbaro? Tutto sull'alunna "gotica" de Il Collegio 6: biografia, interessi vita privata. "L'umanità ha perso molta classe", dice.

Elisa Cimbaro è una delle nuove concorrenti del docu-reality di Rai 2, il Collegio. Definita dalla trasmissione “dolce e pacata”, è una grande amante del rock anni ’70 e dello stile gotico. Ecco chi è Elisa Cimbaro.

Chi è Elisa Cimbaro de Il Collegio

Elisa Cimbaro è nata nel 2007 a Tarvisio, un paesino di 5.000 abitanti in provincia di Udine, Friuli-Venezia Giulia. Nel 2021 è entrata a far parte del docu-reality di Rai 2, Il Collegio, di cui è preside Paolo Bosisio. Qui ha dato subito proba della propria indole dolce e pacata, ma anche della propria passione per il passato.

Elisa Cimbaro è stata infatti definita la ragazza “gotica”, proprio perché ama vestire di nero, con abiti lunghi e merlettati, che lei reputa più eleganti dell’abbigliamento contemporaneo. “Sembra saltata fuori da un’altra epoca”, dice proprio il suo papà. Per la generazione sua coetanea, infatti, la ragazza non sembra provare grande ammirazione. La definisce anzi rozza e superficiale“. “Basta ascoltare una canzone di Frank Sinatra per capire quanta classe l’umanità abbia perso in soli 50 anni”, dice la studentessa.

Per le sue tendenze contro corrente Elisa viene spesso definita come “quella strana”, e per questo si tiene a distanza dei coetanei. Ma allo stesso tempo la ragazza gotica si descrive come una “secchiona empatica”, vale a dire come una grande studiosa, e un po’ sulle sue, che però lascia copiare i compagni a scuola.

La vita privata della ragazza gotica

Elisa Cimbaro è una ragazza molto riservata. La sua vita privata è per questo ancora un mistero: specialmente se si tratta di eventuali partner. La studentessa del Collegio 6, infatti, non ha ancora dichiarato nulla rispetto alla propria situazione sentimentale. Si sa però che è appassionata di musica rock degli anni ’70 e di musica classica, oltre ad avere un interesse particolare per la cronaca nera.